Trilussa Archivio - Pagina 3 di 8 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Trilussa

1

Er venditore de pianeti

Er venditore de pianeti
Trilussa
È un poverello co’ la barba bianca,
che va con una manica in saccoccia
pe’ fa’ distingue er braccio che je manca.
Gira con una scatola e una boccia
dove c’è drento un diavolo de vetro
co’ du’ cornette in cima a la capoccia.
Succede che la gente
passa senza fa’ caso ar poverello,
ma, a vede er giocarello, torna addietro,
se ferma, s’avvicina, s’ariduna,
e tenta la fortuna……….

1

Io e Voi

Sì, fra me e voi ce corre un gran divario
come er giorno e la notte, tale e quale,
perché ciavemo tutto disuguale
e la pensamo sempre a l’incontrario.

Voi marciate in carrozza padronale
e ogni giorno cambiate de vestiario;
io, invece, che ciò giusto er necessario,
vado a pedagna e vesto sempre eguale.

Voi sete bionna bionna, io moro moro,
voi sete bianca bianca, io nero nero,
voi campate de rendita, io lavoro;

quer che ciò io nun ce l’avete voi…
Se l’estremi se toccheno davero
perché nun se toccamo puro noi?

Trilussa

0

A Villa Medici

Te l’aricordi più le passeggiate
in queli vicoletti de verdura,
in quele grotticelle sprofumate
che pareveno fatte su misura
pe’ fa’ passà le coppie innammorate?

Te l’aricordi più. ciumaca bella,
la testa de quer satiro che stava
anniscosta framezzo a la mortella,
che rideva e faceva capoccella
pe’ minchionà la gente che passava?

[…] Continua a leggere…

8

Questione de razza

-Che cane buffo! E dove l’ hai trovato? –
Er vecchio me rispose: -é brutto assai,
ma nun me lascia mai: s’ é affezzionato.
L’ unica compagnia che m’ é rimasta,
fra tanti amichi, é ‘ sto lupetto nero:
nun é de razza, é vero,
ma m’ é fedele e basta.
Io nun faccio questioni de colore:
l’ azzioni bone e belle
vengheno su dar core
sotto qualunque pelle.

Trilussa

9

L’agnello infurbito

Un lupo che beveva in un ruscello
vidde, dall’ antra parte de la riva,
l’ immancabbile Agnello.
-Perché nun venghi qui? – je chiese er Lupo –
L’acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
e un porco ce fa spesso er semicupio.
Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
er ruscelletto è limpido e pulito… –
L’ Agnello disse: – Accetterò l’ invito
quanno avrò sete e tu nun avrai fame.

5

La Campana de la chiesa

Che sôno a fa’? – diceva una Campana.
– Da un po’ de tempo in qua, c’è tanta gente
che invece d’entrà drento s’allontana.
Anticamente, appena davo un tocco
la Chiesa era già piena;
ma adesso ho voja a fa’ la canoffiena
pe’ chiamà li cristiani cór patocco!
Se l’omo che me sente nun me crede
che diavolo dirà Dommineddio?
Dirà ch’er sôno mio
nun è più bono a risvejà la fede.
– No, la raggione te la spiego io:
– je disse un Angeletto
che stava in pizzo ar tetto –
nun dipenne da te che nun sei bona,
ma dipenne dall’anima cristiana
che nun se fida più de la Campana
perché conosce quello che la sona.

3

L’ingiustizzie der monno

Quanno che senti di’ “cleptomania”
è segno ch’è un signore ch’ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe’ lui nun c’è nessuna malatia
che j’impedisca d’esse condannato!

Iustitia et Pax osculatae sunt 4

Chiaroscuro

Giustizzia, Fratellanza, Libbertà…
Quanta gente ridice ‘ste parole!
Ma chi le vede chiare? Iddio lo sa!
Er Gallo canta quanno spunta er sole,
er Gufo canta ne l’oscurità.

Trilussa, 1944

Allegoria dell'immortalità 3

La ricetta maggica

Rinchiuso in un castello medievale,
er vecchio frate co’ l’occhiali d’oro
spremeva da le glandole d’un toro
la forza de lo spirito vitale
per poi mischiallo, e qui stava er segreto,
in un decotto d’arnica e d’aceto.

0

Er teppista

Credi ch’io sia monarchico? Pe’ gnente:
che me ne frega? E manco socialista!
Repubbricano? Affatto! Io so’ teppista
e, pe’ de più, teppista intransiggente!