Trilussa Archivio - Pagina 5 di 8 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Trilussa

7

La sincerità

Poesia di Trilussa
LA SINCERITA’

M’aricorderò sempre che mi’ nonno
pe’ famme pija sonno,
me diceva la favola de quello
ch’annava in cerca de sincerità.
Io, però, m’addormentavo sur più bello
che nemmeno arivavo a la metà.

5

[ ]

Pe’ conto mio la favola più corta
è quella che se chiama Gioventù:
perché… c’era una vorta…
e adesso nun c’è più

E la più lunga? E’ quella della Vita:
la sento raccontà da che sto ar monno
e un giorno, forse, cascherò dar sonno
prima che sia finita…

13

La felicità

La Felicità
Trilussa

C’è un’ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

2

L’elezzione der presidente

Un giorno tutti quanti l’animali
sottomessi ar lavoro
decisero d’elegge un Presidente
che je guardasse l’interessi loro.
C’era la Società de li Majali,
la Società der Toro,
er Circolo der Basto e de la Soma,
la Lega indipendente
fra li Somari residenti a Roma;

4

Lo scialletto

LO SCIALLETTO
Trilussa

Cor venticello che scartoccia l’arberi
entra una foja in cammera da letto.
È l’inverno che ariva e, come ar solito,
quanno passa de qua, lascia un bijetto.
Jole, infatti, me dice: – Stammatina
me vojo mette quarche cosa addosso;
nun hai sentito ch’aria frizzantina? –
E cava fôri lo scialletto rosso,
che sta riposto fra la naftalina.

3

Lo Smemorato

Che voi che ce stia drento ar cervello
d’un omo che se scorda d’esse lui,
che nun conosce più l’amichi sui,
nè socera, nè moje, nè fratello.

E tutti ‘sti scienziati de cartello
ch’hanno capito? Cavoli! per cui,
che je fa’ de sapè se è questo o quello?

1

Li debbiti

Se seguita così, so’ rovinato!
Ora viè l’esattore cor bijetto,
ora arriva un uscere cor precetto
pe’ quarche conto che nun ho pagato.

Oggi, appena so’ uscito, ho rincontrato
er solito strozzino che m’ha detto:
“Se nun pagate subito l’effetto
darò l’incartamento a l’avvocato…”

Sempre una storia! E nun te dico er resto!
Ogni giorno un avviso de cambiale,
ogni giorno un avviso de protesto.

Banca d’Italia…Banca Commerciale…
Ma come! in un momento come questo?
Dove sta la concordia nazzionale?

1

Natale de guera

Poesia di Trilussa, Natale de Guera

Ammalappena che s’è fatto giorno
la prima luce è entrata ne la stalla
e er Bambinello s’è guardato intorno.
– Che freddo, mamma mia! Chi m’aripara?
Che freddo, mamma mia! Chi m’ariscalla?…

0

La distrazione de Cupido

Poesia di Trilussa: Dormivo da un par d’ore
quanno intesi un fruscio vicino ar letto:
accenno er lume e vedo un angioletto
ch’era proprio Cupido, er Dio d’Amore.
– Che voi? – je chiedo; e quello,
che stava pe’ tiramme una frecciata,
come me vede sbotta una risata

2

L’arte di prender moglie

L’arte de pijà moje, da una parte,
è la cosa più facile der monno;
e Adamo e Eva quanno se sposònno
fecero tutto quanto senza l’arte…
Che ce vô a pijà moje, in fine in fonno?
Vôi sposà ’na regazza? Fai le carte,
vai in chiesa, a Campidojo, poi se parte
pe’ fà tutte le cose che ce vonno.
Ritorni; doppo un anno, a bon bisogno,
te nasce un pupo che nun t’assomija,
quattro cazzotti… e questo è er matrimogno.
Ma noi de ’st’arte ce n’avemo tanta:
nun volemo sapé come se pija,
voressimo sapé come se pianta.