Poesie Archivio - Pagina 3 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

Trilussa 10

L’onestà de mi nonna

Quanno che nonna mia pijò marito
nun fece mica come tante e tante
che doppo un po’ se troveno l’amante…
Lei, in cinquant’anni, nu’ l’ha mai tradito!

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito
che je voleva fa’ lo spasimante
je disse: – V’arigalo ‘sto brillante
se venite a pijavvelo in un sito. –

Un’antra, ar posto suo, come succede,
j’avrebbe detto subbito: – So’ pronta.
Ma nonna, ch’era onesta, nun ciagnede;

anzi je disse: – Stattene lontano… –
Tanto ch’adesso, quanno l’aricconta,
ancora ce se mozzica le mano!

Trilussa

Pasta asciutta 0

Pasta Capute Mundi

La Pastasciutta porta la bandiera
su tutti quanti li menù der giorno,
e all’Estero, che annava pe’ contorno,
mo batte la cucina forestiera.

A Roma, è rispettata a ‘na maniera,
che spareno er cannone a mezzogiorno,
e a lo squillìo de le campane attorno,
risponne l’eco d’ogni insalatiera.

Da tutti li cammini sorte er fumo
che se sparpaja in aria come un velo
e porta ne lo spazio quer profumo.

Poi cala ‘na nebbietta fina fina,
so’ tutti quanti l’Angeli der cielo
che in quer momento cìanno l’acquolina

Aldo Fabrizi

3

Er punto d’onore

Una lettera anonima, fra tante,
fu quella ch’aprì l’occhi ar Professore;
diceva: «Preggiatissimo Signore,
ci avviso che sua moglie cià l’amante.
Se volesse la prova ch’è un cornuto
torni a casa a le sette. La saluto».
— E qua bisogna aggì — disse er Marito. —
Stasera no, perché me sento male,
domani è martedì, ciò ‘na cambiale,
doppo domani a sera ciò un invito…

29

Adamo e er Gatto

ADAMO E ER GATTO
Trilussa

Appena Adamo vidde er primo Gatto
je propose un contratto.
— Senti: — je disse — se m’ubbidirai
in tutto quello che me pare e piace,
te garantisco subbito una pace
come nessuno l’ha goduta mai.
Però bisognerà che fin d’adesso
me tratti co’ li debbiti rispetti
e rimani fedele e sottomesso…
Accetti o nun accetti?

— Grazzie, ne faccio senza:
la pace nun se compra, — disse er Micio —
ma se guadagna co’ l’indipennenza
a costo de qualunque sacrificio.
A me nun m’ingarbuji come er Cane
che, per un po’ de pane,
s’accuccia e t’ubbidisce a la parola.
Vojo la pace mia senza controllo,
senza frustate, senza musarola,
senza catene ar collo!
Dar modo come parli ho già capito
che in fonno ciai l’istinto d’un tedesco… —
E ner di’ questo er Gatto, insospettito,
arzò la coda e lo guardò in cagnesco.

5

La befana

Guardi – dice er commesso – che carina
‘sta bamboletta qua:
move la testa quanno che cammina,
dice papà e mammà,
chiude I’occhietti si la mette a letto,
ciò er vestito de seta cor merletto…
La pupa s’è convinta: – Mamma, è bella!
Dì a la Befana che me porti quella,
e che me porti puro la cucina,
la cammera da letto, er salottino…
Ma qui s’azzitta; dietro a la vetrina
ha visto ‘na pupetta cor nasino
appiccicato, sfranto sur cristallo,
che j’ha fatto impressione ner guardallo.

[continua…]

Checco Durante

3

E’ ritornata la Befana

Oggi, ch’è aritornata la Befana,
ripenso a quanno ch’ero regazzino:
vedo Piazza Navona, la buriana,
rìsento er concertino fatto co’ le trombette
dentro l’orecchio de le regazzette
che a forza de risate e de strilletti
e facenno vedé de scappa via,
pareveno ‘no stormo d’ucelletti.
Quanta semplicità! Quanta allegria.
E me rivedo puro que la sera
che nonna me se mise accosto al letto
e, doppo detta assieme la prejera,
me fece un discorsetto.
Dice: – Stanotte ariva la Befana…
Va in giro pe’ li tetti
ìnfagottata in una palandrana,
e cià un sacco co’ tanti regaletti
pe’ le creature bone
pe’ vedelle contente,
e un antro co’ la cenere e er carbone
pe’ quelle più cattive e impertinente.
E gira… gira sempre, poverettal
Se ferma solamente a ‘gni cammino
pe’ poté mette dentro a la carzetta
quello che ha meritato er regazzìno.
Però, cocco mio bello, t’ho da dì
che la Befana nun finisce qui,
che la Befana nun è mai finita
ma t’accompagnerà tutta la vita,
pronta a premiatte si fai |’azzione bone…
si fai der male pronta gastigatte
portannote la cenere e er carbone.
Senti tu’ nonna che te dice questo:
Mantiette sempre onesto…
ricordete che ar monno quer che vale
è fa sempre der bene e mai der male.
So passati tant’anni…
N’ho fatto de cammino su ‘sto monno…
da la vita ciò avuto gioie e affanni…
er nipotino è diventato nonno.
Ma la voce de nonna, pora vecchia,
ancora me risona nell’orecchia:
– Ricordete che ar monno quer che vale
è fa sempre der bene e mai der male. –
E mo, come quann’ero regazzino,
me domanno co’ un po’ de commozione:
– Si metto la carzetta ner cammino
ce trovo più regali… o più carbone?

Checco Durante

27

Er Bacio

ER BACIO

Nina, nu’ je da retta ar confessore,
lui se sbaja, perché, si m’hai baciato.
sta’ puro certa che nun hai peccato
e nun ciài perso un cinico d’onore.

Ninè, fatte capace, che l’amore
senza baci è ‘n amore sfortunato;
perché er bacio, p’un òmo innammorato
èun gran tesoro, è un barzimo der còre.

Di’ ar confessore che nun se confonna
e che, Ninetta bella, io t’ho baciato
perché tu arissomij a ‘na madonna.

Te bacerò ‘gnisempre in sempiterno,
a costo puro, vedi, l’ho giurato
d’annammene a scallà er coso giù all’inferno

Aquilante Ernesto (1884-1966)

Gli amanti 3

Le corna so’ permesse

Ho letto propio jeri sur giornale
che l’adurterio nun è più un reato,
nun c’è più pena p’er concubinato,
lui te tradisce e tu fa’ tale e quale.

Mo co’ sta nova legge de lo Stato
che regola le corna cognugale
si scivola la moje pe le… scale,
come pe’ l’omo, lei nun fa peccato.
[…]

4

Er pane e’ bono co’…

Senza cita’ Bruschetta e Panzanella,
e’ bono in ogni tipo de spuntino,
a comincia’ dar classico crostino
fatto co’ buro, alice e mozzarella.

E’ bono cor guanciale a Panontella,(1)
co’ le noce, co’ l’uva, intinto ar vino,
cor miele, co’ la fava e ‘r pecorino,
e indorato cor buro a la padella.

15

L’elezzioni pe’ le reggioni

Pe’ via dell’elezzioni
che se devono fa pe’ le Reggioni
li candidati in massa hanno da annà
tutti a la Bocca de la Verità

indove a uno a uno, poi je tocca
de metteje la mano ne la bocca,
ch’er mascherone, peggio de ‘na cagna,
si dicheno bucie je se le magna.