Poesie Archivio - Pagina 4 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

107

L’acqua cotta

L’ACQUA COTTA
Aldo Fabrizi

Un piatto che non costa quasi gnente,
e c’è un proverbio c’è, su l’acqua cotta,
che dice: “Pane sprega e trippa abbotta”,
ecco la cena de la pòra gente!

Fette de pane e acqua solamente:
‘sta zuppa nun s’abbrucia e nun viè scotta,
e si ce sta appetito è più che jotta
perchè la fame è ‘r massimo ingrediente.

Eccheve la ricetta: “Fate bolle
nell’acqua, co’ l’odori de stagione,
carote, ajo, sellero e cipolle.

Poi, sopr’ar pane già ne la scudella,
versate “l’acqua”, l’ojo in proporzione,
e ve suffumigate le budella”.

2

Er reggistratore de cassa

Parla un commesso

Anticamente, quarche sordarello
su quello che spenneva l’avventore
se poteva rubbà, senza er timore
ch’er padrone scoprisse er macchiavello.

10

Il primo giorno di scuola

Suona suona la campanella,
scopa scopa la bidella,
viene il bidello ad aprire il portone,
viene il maestro dalla stazione
viene la mamma, o scolaretto,
a tirarti giù dal letto…

2

La mosca invidiosa

La Mosca era gelosa Dio sa come
d’una Farfalla piena de colori.
— Tu — je diceva — te sei fatta un nome
perché te la svolazzi tra li fiori:
ma ogni vorta che vedo l’ale tue
co’ tutto quer velluto e quer ricamo
nun me posso scordà quann’eravamo
poveri verminetti tutt’e due…
— Già, — disse la Farfalla — ma bisogna
che t’aricordi pure un’antra cosa:
io nacqui tra le foje d’una rosa
e tu su ‘na carogna.

Trilussa

4

L’Angeli

A cavalluccio ar timpano, o a cavallo dell’occhialone,
o sopra ar piedistallo,
de guardia all’ape ar drago a la colomba,
o arampicato in pizzo a la cornice
cor mandolino er ciùfolo la tromba…
ogni angiolo e’ felice.
Ogni angiolo fa er bagno co’ la guazza,
s’asciutta ar primo sole,
se spupazza appresso a li rondoni,
e a giorno pieno guarda er cielo
e s’abbuffa de sereno

Mario Dell’Arco, 1946

Pastore che dorme 0

All’amico che dorme

Che diremo stanotte all’amico che dorme?
La parola più tenue ci sale alle labbra
dalla pena più atroce.
Guarderemo l’amico,
le sue inutili labbra che non dicono nulla,
parleremo sommesso.
[…]

6

Er seconno diluvio – Checco Durante

Er seconno diluvio – Checco Durante

Er Padreterno, ner vedè la gente,
che, invece de campà tranquillamente
co ’na vita de pace e de lavoro,
s’ammazzaveno sempre fra de loro
fece chiamà San Pietro e je fa, dice:
– L’omo è un ingrato e dà solo amarezza!
Quello che ho fatto perché sia felice,
invece de godello lo disprezza;
ma nun so’ tipo io da famme sfotte,
faje un antro diluvio e bonanotte.
Ma un diluvio completo, senza l’arca,
senza le coppie e senza er patriarca. –

      San Pietro, poveraccio, tanto bono,
cercava de carmallo: – Nu’ lo fa!
Pe’ ’sta vorta concedeje er perdono,
vedrai… se cambierà… – (continua a leggere)

7

Fiori d’acanto

Perdoneme, ciumaca de sto core,
si la sera, p’er gusto de vedette,
te faccio sta in finestra l’ore e l’ore,
sbattenno Dio sa quanto le brocchette.

Ma uno quanno è ceco da l’amore,
lo sai, Teresa mia, che nun connette;
e a costo de pijàccese un malore,
hai voja a dì! nun je n’mporta un ette.

Cusì so io, Terè. Si nun ce sei,
dico: “Madonna, fatela affaccià!”
E smagno, e me la pìo co te e co Lei.

Ma appena vedo su la finestrella
quel’occhiuccetti tui sbrilluccicà,
te chiamo santa, benedetta, bella.

Giggi Zanazzo

5

La previdenza

Un Gatto s’incontrò con un amico:
– Come va? – Se campicchia…. – E indove stai? –
Dice: – Lavoro in quer palazzo antico.
Uh! li sorci ch’acchiappo! Nun te dico!
Nun finischeno mai!
Che stragge! che macello!
Fa piacere a vedello!
Però, ne la soffitta der palazzo,
c’è la moje der sorcio co’ la fija
e quelle, poveracce, nu’ l’ammazzo:
prima per un riguardo a la famija
eppoi perchè me fanno
trecento sorci all’anno…
In certe circostanze è necessario
un po’ de sentimento umanitario…

30 ottobre 1916
Trilussa

1

In omminibùsse

Le difficoltà di salire sull’omnibus secondo Zannazzo:

Pss, sor coso! fermatev’ un momento.
Sbrigamese, commare; fate lesta.
Già so’ tre curse che perdemo: e sento
che finimo cor perde’ puro questa.

Sete curiosa voi? Vedete er vento
si che robba me fa? m’arza la vesta.
Nun sia mai detto me la manna in testa,
me vienit’ a fà voi da paravento?

Ah, che cuscini morbidi che cià!
Co’ tre sordi ‘sta bella spassiggiata!
Davero bella! Insino indove va?

A li Monti?! – Com’è nun va a San Pietro?!!
Pss, fermo! – Avemo fatta la frittata.
Commà, scegnete; aritomam’indietro.

Giggi Zannazzo 1883