Poesie Archivio - Pagina 10 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

Tresteverine

Poesia dedicata alle donne di Trastevere di Terenzi Augusto
Occhioni innamorati, trecce belle,
visetti ch’affattureno a vedelli,
tresteverine scicche, palommelle,
pe’ voi vojo cantà du’ stornelli:

Chi aspetta maggio pe coje le rose?
‘N Trestevere ce sbocceno ‘gni mese
più belle, delicate e più odorose.

2

LI PENZIERI DELL’OMO

Sonetto di Giuseppe Gioachino Belli:
LI PENZIERI DELL’OMO
(G.G.Belli)

Er chirichetto, apena attunzurato
Penza a ordinasse prete, si ha cervello:
Er prete penza a diventà pprelato;
E ‘r prelato, se sa, penza ar cappello.

Er cardinale, si ttu voi sapello,
Penza ‘gnisempre d’arrivà ar papato;
E dar zu’ canto er Papa, poverello!,
Penza a gòde la pacchia c’ha ttrovato.

3

Roma de notte…

Roma dorme sognanno, su Castello,
l’Angelo veja pieno de fierezza.
Guarda sto sito indove la bellezza,
pare che sia dipinta cor pennello.

Ruzzica l’acqua ar fiume, e come canto,
che te manna la maggica corrente.
Porta all’orecchio delizziosamente,
note d’amore e parpiti d’incanto.

Un venticello assai assai leggero,
te fa’ casca dall’arbero le foje,
e drento ar core allora me se scioje,
un senso tutto pieno de’ mistero.

Na dama, un vero quadro de’ dolore,
cammina in sù e giù cor viso bianco,
cammina con un passo incerto e stanco,
cercanno chi je compra un pò d’amore.

E Roma dorme, infonno a un vicoletto,
‘na bisca lì a lo scuro se prepara,
a faà ‘na serenata, e pe’ la chitara..
ognuno tiè anniscosto un ber paletto !

Rolando Sciampi

13

Il testamento di un albero

Un albero di un bosco
chiamò gli uccelli e fece testamento:
Lascio i fiori al mare,
lascio le foglie al vento,
i frutti al sole e poi
tutti i semetti a voi.
A voi, poveri uccelli,
perchè mi cantavate la canzone
nella bella stagione.
E voglio che gli stecchi,
quando saranno secchi,
facciano il fuoco per i poverelli.
Però vi avviso che sul mio tronco
c’è un ramo che dev’essere ricordato
alla bontà degli uomini e di Dio.
Perché quel ramo, semplice e modesto,
fu forte e generoso: e lo provò
il giorno che sostenne un uomo onesto
quando ci si impiccò.

Trilussa

7

La sincerità

Poesia di Trilussa
LA SINCERITA’

M’aricorderò sempre che mi’ nonno
pe’ famme pija sonno,
me diceva la favola de quello
ch’annava in cerca de sincerità.
Io, però, m’addormentavo sur più bello
che nemmeno arivavo a la metà.

5

[ ]

Pe’ conto mio la favola più corta
è quella che se chiama Gioventù:
perché… c’era una vorta…
e adesso nun c’è più

E la più lunga? E’ quella della Vita:
la sento raccontà da che sto ar monno
e un giorno, forse, cascherò dar sonno
prima che sia finita…

1

Sogni

Sogni
di Mario dell’Arco

Er salice piangente
sogna la permanente. Er girasole
sogna de fa er paino
co l’occhiai da sole.
Er merlo sogna che se trova addosso
la spilla cor rubbino
che ha visto da lontano ar pettirosso.
E le ranocchie a mollo ner pantano
sogneno mosce mosce
un paro de calosce

13

La felicità

La Felicità
Trilussa

C’è un’ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

3

Povera panza mia

Poesia di Aldo Fabrizi
Calà de peso è utile e conforta
perchè riempie de soddisfazione,
ma ‘sto riempimento è un illusione
che la panzetta mia nun la sopporta.

3

Padre, se anche tu non fossi il mio

San Giuseppe, Guido Reni

Padre, se anche tu non fossi il mio Padre
se anche fossi a me un estraneo,
per te stesso egualmente t’amerei.
Ché mi ricordo d’un mattin d’inverno
Che la prima viola sull’opposto
Muro scopristi dalla tua finestra
E ce ne desti la novella allegro.
Poi la scala di legno tolta in spalla
Di casa uscisti e l’appoggiasti al muro.
Noi piccoli stavamo alla finestra.