Poesie Archivio - Pagina 15 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

A le sposette

‘Sto libro, forse, non avrà importanza,
però pe’ le sposette cià valore,
giacchè per imbroccà le vie del core
se pja la scorciatora de la panza.

In fatto de cucina, l’eleganza
consiste soprattutto ner sapore,
e specie si lo sposo è un amatore
più che la forma conta la sostanza.

0

Er maestro de noto

Ma, caro lei, bisogna intenne’ questa,
che er noto è come un’antra professione.
Dunque, si lei nun pîa quarche lezione
è indificile assai che j’entri in testa.

Er fisico ce l’ha che je si presta;
ma si nun viè’ co’ me ner capannone,
si Dio guardi si stacca da un passone,

7

Portonaccio

Portonaccio è un ponte sulla ferrovia,
è un quartiere di povera gente.
Gli uomini, da vivi lo ignorano,
da morti lo abitano.

È questo il ponte che conduce all’isola
dei prati dove muore la città
d’uomini vivi, dove vive il campo
santo dei morti tra convogli radi
al fischio delle fabbriche.
A notte i morti crescono coi tufi
che ardono alla luna.

Continua a leggere…

0

L’indovina de le carte

– Pe’ fà le carte quanto t’ho da dà?
— Cinque lire. — Ecco qui; bada però
che m’hai da dì la pura verità…
— Nun dubbitate che ve la dirò.

Voi ciavete un amico che ve vò
imbrojà ne l’affari. — Nun po’ stà
perché l’affari adesso nu’ li fo.
— Vostra moje v’inganna. — Ma va’ là!

4

Io, gatto

Una crosta de rogna
e uno stormo de purce in mezzo ar pelo:
nessuno me s’accosta.
Sia a galla all’erba, sia
sdraiato sur serciato,
m’imbriaco de sole.
A tempo perso dormo
e in sogno, verso a verso,
sgnàvolo una poesia

2

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Monticiano

So’ mmonticiano, so’, ssangue de ddìo!
sò’ nnato pè’ li Monti e mme n’avanto;
e cquanno dico a uno: alò bber fio;
ha dda fà’ mmosca e ttéla com’un santo.

Sò’ mmarano, lo sò; ma er pórso mio,
nun c’è gnisun massiccio dé cqui accanto,
(nun dico bbôno), ma cche ssii da tanto,
de fàmmeje accusì, si nun voj’io.

0

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Regolante

So’ regolante; faccio er conciapelle,
e ssò’ dde discennenza vaccinaro.
Prima ‘st’aziènna cqua stava a le stelle:
chi era conciapelle era mionâro:

bbuttava piastre come ccarammèlle;
e cqueste nun sò’ ffrégne, frater caro:
bbastava a u’ régolante a ddije avaro,
pe’ ffasse mett’ i’ mmano le bbudelle!

0

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Tresteverino

Io, frater caro, sò’ ttresteverino;
e ttutto mé pòi dì’ ffôrché ppidocchio;
quanno facevo er carettiere a vvino,
l’orloggio solo me costava ‘n occhio:

marciavo che pparevo un signorino!
carzoni córti insinent’ar ginocchio,
ggiacchetta de velluto sopraffino,
fibbie d’argento e scarpe co’ lo scrocchio:

0

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Borghiciano

So’ bborghiciano, so’: nun ero nato
che bbazzicavo ggià ddrento Palazzo:
mi’ padre me ce messe da regazzo
e, ggrazziaddio, ciò ssempre lavorato.

Pe’ ffatigà, fratello, ho ffatigato;
da fanello ero sverto com’u’ razzo;
ma da un ber pezzo in qua nu’ mme strapazzo;
perchè sso’ vvecchio e mm’hanno ggiubbilato.

0

La nova lavula parlamentare

Ita per aria la Banca Romana,
visto che tutto er ciancico feniva,
ecchete pronta l’avula ch’ariva
a consolà ‘sti granci de marana.

Eh! Si sti ciocchi pijeno l’abbriva,
so’ boni a fà svortà la tramontana
«In de l’avula vecchia si soffriva,
era giaccia, era carda, era marsana!»