Poesie Archivio - Pagina 15 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

Er maestro de noto

Ma, caro lei, bisogna intenne’ questa,
che er noto è come un’antra professione.
Dunque, si lei nun pîa quarche lezione
è indificile assai che j’entri in testa.

Er fisico ce l’ha che je si presta;
ma si nun viè’ co’ me ner capannone,
si Dio guardi si stacca da un passone,

7

Portonaccio

Portonaccio è un ponte sulla ferrovia,
è un quartiere di povera gente.
Gli uomini, da vivi lo ignorano,
da morti lo abitano.

È questo il ponte che conduce all’isola
dei prati dove muore la città
d’uomini vivi, dove vive il campo
santo dei morti tra convogli radi
al fischio delle fabbriche.
A notte i morti crescono coi tufi
che ardono alla luna.

Continua a leggere…

0

L’indovina de le carte

– Pe’ fà le carte quanto t’ho da dà?
— Cinque lire. — Ecco qui; bada però
che m’hai da dì la pura verità…
— Nun dubbitate che ve la dirò.

Voi ciavete un amico che ve vò
imbrojà ne l’affari. — Nun po’ stà
perché l’affari adesso nu’ li fo.
— Vostra moje v’inganna. — Ma va’ là!

4

Io, gatto

Una crosta de rogna
e uno stormo de purce in mezzo ar pelo:
nessuno me s’accosta.
Sia a galla all’erba, sia
sdraiato sur serciato,
m’imbriaco de sole.
A tempo perso dormo
e in sogno, verso a verso,
sgnàvolo una poesia

2

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Monticiano

So’ mmonticiano, so’, ssangue de ddìo!
sò’ nnato pè’ li Monti e mme n’avanto;
e cquanno dico a uno: alò bber fio;
ha dda fà’ mmosca e ttéla com’un santo.

Sò’ mmarano, lo sò; ma er pórso mio,
nun c’è gnisun massiccio dé cqui accanto,
(nun dico bbôno), ma cche ssii da tanto,
de fàmmeje accusì, si nun voj’io.

0

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Regolante

So’ regolante; faccio er conciapelle,
e ssò’ dde discennenza vaccinaro.
Prima ‘st’aziènna cqua stava a le stelle:
chi era conciapelle era mionâro:

bbuttava piastre come ccarammèlle;
e cqueste nun sò’ ffrégne, frater caro:
bbastava a u’ régolante a ddije avaro,
pe’ ffasse mett’ i’ mmano le bbudelle!

0

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Tresteverino

Io, frater caro, sò’ ttresteverino;
e ttutto mé pòi dì’ ffôrché ppidocchio;
quanno facevo er carettiere a vvino,
l’orloggio solo me costava ‘n occhio:

marciavo che pparevo un signorino!
carzoni córti insinent’ar ginocchio,
ggiacchetta de velluto sopraffino,
fibbie d’argento e scarpe co’ lo scrocchio:

0

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Borghiciano

So’ bborghiciano, so’: nun ero nato
che bbazzicavo ggià ddrento Palazzo:
mi’ padre me ce messe da regazzo
e, ggrazziaddio, ciò ssempre lavorato.

Pe’ ffatigà, fratello, ho ffatigato;
da fanello ero sverto com’u’ razzo;
ma da un ber pezzo in qua nu’ mme strapazzo;
perchè sso’ vvecchio e mm’hanno ggiubbilato.

0

La nova lavula parlamentare

Ita per aria la Banca Romana,
visto che tutto er ciancico feniva,
ecchete pronta l’avula ch’ariva
a consolà ‘sti granci de marana.

Eh! Si sti ciocchi pijeno l’abbriva,
so’ boni a fà svortà la tramontana
«In de l’avula vecchia si soffriva,
era giaccia, era carda, era marsana!»

4

Er ventre de vacca o pe’ capisse mejo er Parlamento

I.
Er deputato appena è deputato
pensa subbito a fasse un portafojo
e p’avello, ce sii qualunque scojo,
nu’ la pianta finché nu’ l’ha spuntato.

Si è un somaro, allora sta ingoffato
davanti a chi guverna e l’ogne d’ojo;
si è dotto je comincia a dà cordojo
finché nu’ l’ha sbattuto e aribbartato,

Tutti l’istessi so’, destri e sinistri;
er gioco sta ne’ ribbartà er guverno
p’annacce loro e diventà ministri.

Arivati a succhiasse quela manna,
siccome quella pacchia nun è eterna,
fanno; “Mo, panza mia, fatte capanna!”