Poesie Archivio - Pagina 15 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

8

Er pranzo de le minente

Mo ssenti er pranzo mio. Ris’e piselli,
allesso de vaccina e gallinaccio,
garofalato, trippa, stufataccio,
e un spido de sarcicce e ffeghetelli.

Poi fritto de carciofoli e ggranelli,
certi ggnocchi da facce er peccataccio,
‘na pizza aricresciuta de lo spaccio,
e un’agreddorce de ciggnale e ucelli.

0

L’Orologio cor cucù

È un orologgio de legno
fatto con un congegno
ch’ogni mezz’ora s’apre uno sportello
e s’affaccia un ucello a fa’ cuccù.
Lo tengo da trent’anni a capo al letto
e m’aricordo che da regazzetto
me divertiva come un giocarello.

0

La Maschera

Vent’anni fa m’ammascherai pur’io!
E ancora tengo er grugno de cartone
che servì p’annisconne quello mio.
Sta da vent’anni sopra un credenzone
quela Maschera buffa, ch’è restata
sempre co’ la medesima espressione,
sempre co’ la medesima risata.

2

Er Pensiero

Qualunque sia pensiero me viè in mente,
prima de dillo, aspetto e, grazzi’a Dio,
finchè rimane ner cervello mio
nun c’è nessuno che me pò di’ gnente.

Ma s’opro bocca e je do fiato, addio!
L’idea, se nun confinfera a la gente,
me pò fa’ nasce quarche inconveniente
e allora er responsabile so’ io.

0

Lo Specchio

Ogni vorta che vado dar barbiere,
ner vede quela fila de me stessi
allineati come tanti fessi
ner gioco che me fanno le specchiere,
nun posso sta’ se nu’ je fo un versaccio
pe’ vedelli rifà quelo che faccio.

0

Er noto

Sai? Lo sposo de Mea la lavannara,
Cocco Sferra, quer bravo notatore,
proprio mò sto fiumaccio traditore
je l’ha ffatta tra er Passo e la Leggnara.

Chi ddisce che in ner roppe la fiumara
je pozzi esse arrivato er zangue ar core:
chi ddisce un capoggiro, chi un tremore,

0

A le sposette

‘Sto libro, forse, non avrà importanza,
però pe’ le sposette cià valore,
giacchè per imbroccà le vie del core
se pja la scorciatora de la panza.

In fatto de cucina, l’eleganza
consiste soprattutto ner sapore,
e specie si lo sposo è un amatore
più che la forma conta la sostanza.

0

Er maestro de noto

Ma, caro lei, bisogna intenne’ questa,
che er noto è come un’antra professione.
Dunque, si lei nun pîa quarche lezione
è indificile assai che j’entri in testa.

Er fisico ce l’ha che je si presta;
ma si nun viè’ co’ me ner capannone,
si Dio guardi si stacca da un passone,

7

Portonaccio

Portonaccio è un ponte sulla ferrovia,
è un quartiere di povera gente.
Gli uomini, da vivi lo ignorano,
da morti lo abitano.

È questo il ponte che conduce all’isola
dei prati dove muore la città
d’uomini vivi, dove vive il campo
santo dei morti tra convogli radi
al fischio delle fabbriche.
A notte i morti crescono coi tufi
che ardono alla luna.

Continua a leggere…

0

L’indovina de le carte

– Pe’ fà le carte quanto t’ho da dà?
— Cinque lire. — Ecco qui; bada però
che m’hai da dì la pura verità…
— Nun dubbitate che ve la dirò.

Voi ciavete un amico che ve vò
imbrojà ne l’affari. — Nun po’ stà
perché l’affari adesso nu’ li fo.
— Vostra moje v’inganna. — Ma va’ là!