Aldo Fabrizi Archivio - Pagina 2 di 4 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Aldo Fabrizi

12

Rigatoni a buro e parmigiano co’ l’asparaci

RIGATONI A BURO E PARMIGIANO CO’ L’ASPARACI
Aldo Fabrizi

Co’ tutti l’alimenti adurterati
lo stommico oramai nun cià più scampo
e pe’ chi soffre d’acido cor crampo,
‘sti Rigatoni so’ li più indicati.

L’asparaci, sia quelli cortivati
che quelli communissimi de campo,
se sciacqueno e s’allesseno in un lampo
pe’ nu’ scolalli mezzi sderenati.

Le punte magnarecce, quelle molle,
infarinate e all’ovo, le friggete
durante er tempo che la Pasta bolle.

E poi, si l’acqua pe’ li Rigatoni
se sala co’ du’ dadi, sentirete
si quanto ve riescheno più bòni

3

Er medico m’ha detto

ER MEDICO M’HA DETTO
Aldo Fabrizi

Commenda caro, è duopo che lo dica
ma l’italiano, escluso il proletario,
pappa tre volte più del necessario,
sottoponendo il cuore a ‘na fatica.

4

Lasagne ar biondo Tevere

LASAGNE AR BIONDO TEVERE
Aldo Fabrizi

‘Sto piatto è proprio ‘na consolazione;
‘gni gracioletto rissomja a ‘na fravola
che appena messo in bocca ve se sfravola
come si fusse panna ar zabbaione.

2

Chi sarà stato?

Ho letto cento libri de cucina.
de storia, d’arte, e nun ce nè uno solo
che citi co’ la Pasta er Pastarolo
che unì pe’ primo l’acqua e la farina.

Credevo fosse una creazione latina,
invece poi, m’ha detto l’orzarolo,
che l’ha portata a Roma Marco Polo
un giorno che tornava dalla Cina.

Pe’ me st’affare de la Cina è strano,
chissà se fu inventata da un cinese
o la venneva là un napoletano.

Sapessimo chi è, sia pure tardi,
bisognerebbe faje… a ‘gni paese
più monumenti a lui che a Garibardi.

Aldo Fabrizi

12

La dieta

Doppo che ho rinnegato Pasta e pane,
so’ dieci giorni che nun calo, eppure
resisto, soffro e seguito le cure…
me pare un anno e so’ du’ settimane.

Nemmanco dormo più, le notti sane,
pe’ damme er conciabbocca a le torture,
le passo a immaginà le svojature
co’ la lingua de fòra come un cane.

Ma vale poi la pena de soffrì
lontano da ‘na tavola e ‘na sedia
pensanno che se deve da morì?

Nun è pe’ fà er fanatico romano;
però de fronte a ‘sto campà d’inedia,
mejo morì co’ la forchetta in mano!

Aldo Fabrizi

11

Indolenza romana

L’autentico romano è questo qui:
risparmia er fiato ar massimo che po’,
dondola la capoccia pe’ di’ “No!”
e abbassa l’occhi si ha da di’ de sì.

Pe’ risponne ar telefono fa: “Si…”
Si ha da chiama’ quarcuno, strilla: “Aò!”
E quanno co’ le mano forma un “O”
vordì du’ occhi o un bucio da ingrandì.

3

Povera panza mia

Poesia di Aldo Fabrizi
Calà de peso è utile e conforta
perchè riempie de soddisfazione,
ma ‘sto riempimento è un illusione
che la panzetta mia nun la sopporta.

17

Pasta alla capricciosella

Provate a fà ‘sto sugo ch’è un poema:
piselli freschi, oppure surgelati,
calamaretti, funghi «cortivati»,
così magnate senz’avè patema.

Pe fà li calamari c’è un sistema:
se mettono a pezzetti martajati
nell’ ajo e l’ojo e bene rosolati,
so’ teneri che pareno ‘na crema

Appresso svaporate un po’ de vino:
poi pommidoro, funghi e pisellini
insaporiti cor peperoncino.

Formaggio gniente, a la maniera antica,
fatece bavettine o spaghettini…
Bon appetito e Dio ve benedica!

6

Inviti a cena

INVITI A CENA
Aldo Fabrizi

Uh chi se vede! Hai rotto la clausura ?
A dì la verità non esco mai …
Perchè? Ma co’ ‘sto traffico in do’vai ?
A uscì de casa c’è davé paura

Capisco …Sai. sarà l’età matura
Ma dentro casa, scusame, che fai ?
Che fò? fò l’abbonato de la RAI
e incretinisco dentro a quattro mura…

Vedemese,’ na sera..Come no!
Se famo du’ spaghetti Volentieri..
Ciao! Ma telefonamose però!

E mentre se saluteno già sanno,
che tutt’e due pe’ l’ansie e li pensieri
Domani manco se ricorderanno