Poesie Archivio - Pagina 14 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

11

Luna Park

Quando ero ‘n pischelletto
Me ricordo er pomeriggio
La scodella cor giacchetto
In sella a un Sh grigio

Imboccavamo lo stradone
Co’ la comitiva appresso
Era l’Eur la direzione
E non succedeva spesso

Eravamo spensierati
Se divertivamo un mondo
Pe’ ‘na giostra fomentati
L’amicizia come sfondo

De sabato l’uscita
L’aspettavamo ar varco
Gioventù ribelle e unita
Che se sfoga dentro a ’n parco

Me viè ‘n mente: er più viziato
Co’ lo zucchero filato
Invece ‘n altro grande e grosso
Vò fa centro ar pesce rosso

Er più duro che se impanica
Sulla ruota panoramica
Mentre quelle più discusse
Eran le montagne russe

Ogni tanto flash-back lenti
De episodi che ho rimosso
Se ripenso a quei momenti
C’ho la pelle d’ oca addosso

Er Pinto, 2012

Componimento originale de Er Pinto dei Poeti der Trullo: un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metro-romantica, con una forte componente urbana.

0

L’Omo Finto

Dice che un giorno un Passero innocente
giranno intorno a un vecchio Spauracchio
lo prese per un Omo veramente;
e disse: “finarmente
potrò conoscere a fonno
er padrone der monno!”

Trilussa 1

La Statistica

Sai ched’è la statistica? E’ ‘na cosa
che serve pe’ fa’ un conto in generale
de la gente che nasce, che sta male,
che more, che va in carcere e che spòsa.

0

Pane, mozzichi e baci

Finiti Pane, fava, pecorino,
er vino e li biscotti ar cioccolato,
appena se sdraiassimo sur prato
sbucò tra l’erba l’urtimo panino.

8

Er pranzo de le minente

Mo ssenti er pranzo mio. Ris’e piselli,
allesso de vaccina e gallinaccio,
garofalato, trippa, stufataccio,
e un spido de sarcicce e ffeghetelli.

Poi fritto de carciofoli e ggranelli,
certi ggnocchi da facce er peccataccio,
‘na pizza aricresciuta de lo spaccio,
e un’agreddorce de ciggnale e ucelli.

0

L’Orologio cor cucù

È un orologgio de legno
fatto con un congegno
ch’ogni mezz’ora s’apre uno sportello
e s’affaccia un ucello a fa’ cuccù.
Lo tengo da trent’anni a capo al letto
e m’aricordo che da regazzetto
me divertiva come un giocarello.

0

La Maschera

Vent’anni fa m’ammascherai pur’io!
E ancora tengo er grugno de cartone
che servì p’annisconne quello mio.
Sta da vent’anni sopra un credenzone
quela Maschera buffa, ch’è restata
sempre co’ la medesima espressione,
sempre co’ la medesima risata.

2

Er Pensiero

Qualunque sia pensiero me viè in mente,
prima de dillo, aspetto e, grazzi’a Dio,
finchè rimane ner cervello mio
nun c’è nessuno che me pò di’ gnente.

Ma s’opro bocca e je do fiato, addio!
L’idea, se nun confinfera a la gente,
me pò fa’ nasce quarche inconveniente
e allora er responsabile so’ io.

0

Lo Specchio

Ogni vorta che vado dar barbiere,
ner vede quela fila de me stessi
allineati come tanti fessi
ner gioco che me fanno le specchiere,
nun posso sta’ se nu’ je fo un versaccio
pe’ vedelli rifà quelo che faccio.

0

Er noto

Sai? Lo sposo de Mea la lavannara,
Cocco Sferra, quer bravo notatore,
proprio mò sto fiumaccio traditore
je l’ha ffatta tra er Passo e la Leggnara.

Chi ddisce che in ner roppe la fiumara
je pozzi esse arrivato er zangue ar core:
chi ddisce un capoggiro, chi un tremore,