Poesie Archivio - Pagina 12 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

La distrazione de Cupido

Poesia di Trilussa: Dormivo da un par d’ore
quanno intesi un fruscio vicino ar letto:
accenno er lume e vedo un angioletto
ch’era proprio Cupido, er Dio d’Amore.
– Che voi? – je chiedo; e quello,
che stava pe’ tiramme una frecciata,
come me vede sbotta una risata

6

Inviti a cena

INVITI A CENA
Aldo Fabrizi

Uh chi se vede! Hai rotto la clausura ?
A dì la verità non esco mai …
Perchè? Ma co’ ‘sto traffico in do’vai ?
A uscì de casa c’è davé paura

Capisco …Sai. sarà l’età matura
Ma dentro casa, scusame, che fai ?
Che fò? fò l’abbonato de la RAI
e incretinisco dentro a quattro mura…

Vedemese,’ na sera..Come no!
Se famo du’ spaghetti Volentieri..
Ciao! Ma telefonamose però!

E mentre se saluteno già sanno,
che tutt’e due pe’ l’ansie e li pensieri
Domani manco se ricorderanno

1

Rime di rapa ripassate in padella

Poeti der Trullo:
A Roma è la cucina a falla da padrona
Quella culinaria è un’arte bella e bòna
Però pe’ magna’ bene ce vòle ‘a compagnia
Noi, tra ‘n piatto e ‘n artro, ve dimo ‘sta poesia

2

L’arte di prender moglie

L’arte de pijà moje, da una parte,
è la cosa più facile der monno;
e Adamo e Eva quanno se sposònno
fecero tutto quanto senza l’arte…
Che ce vô a pijà moje, in fine in fonno?
Vôi sposà ’na regazza? Fai le carte,
vai in chiesa, a Campidojo, poi se parte
pe’ fà tutte le cose che ce vonno.
Ritorni; doppo un anno, a bon bisogno,
te nasce un pupo che nun t’assomija,
quattro cazzotti… e questo è er matrimogno.
Ma noi de ’st’arte ce n’avemo tanta:
nun volemo sapé come se pija,
voressimo sapé come se pianta.

5

A certi critici

Siccome pe’ parlà’ bene de uno
sete usi a aspetta’ che prima more,
io che, seconno voi, nun so’ nessuno,
me fo un augurio che vie’ su dar core.
Per evitavve de prova’ er rimorso
de perde tempo a stroligà’ la mente
pe’ potè’ mette assieme un ber discorso,
p’affermà’ ch’ero bravo e inteliggente,
pe’ favve risparmià’ tutti ‘st’affanni,
ogni giorno che passa prego Dio
che me facci campà ‘n’antro po’ d’anni,
cosí er discorso ve lo faccio io.

Checco Durante

4

Romolo e Lucullo

Er romano così focoso e bullo
se sa ch’è un discendente de Lucullo,
de quell’antico e celebbre romano
che diede er nome ar “ pranzo luculliano”
Pé questo fino dall’antichità
ha mantenuto er curto der magnà.
E figurete mo che víé Natale
Checco durante

4

La Politica

Ner modo de pensà c’è un gran divario:
mi’ padre è democratico cristiano,
e, siccome è impiegato ar Vaticano,
tutte le sere recita er rosario;

de tre fratelli, Giggi ch’er più anziano
è socialista rivoluzzionario;
io invece so’ monarchico, ar contrario
de Ludovico ch’è repubbricano.

Prima de cena liticamo spesso
pe’ via de ‘sti principî benedetti:
chi vò qua, chi vò là… Pare un congresso!

Famo l’ira de Dio! Ma appena mamma
ce dice che so’ cotti li spaghetti
semo tutti d’accordo ner programma.

Trilussa
(1915)

0

Chi sarà stato?

Chi sarà stato?
Aldo Fabrizi

Ho letto cento libri de cucina.
de storia, d’arte, e nun ce nè uno solo
che citi co’ la Pasta er Pastarolo
che unì pe’ primo l’acqua e la farina.

0

La tragedia

Fanno ar Quirino ‘na tragedia in prosa
Che si la vedi, fio, te fa terrore.
Er fatto è quasi uguale ar «Trovatore»,
Ma er fatto proprio, è tutta un’antra cosa.

2

Rinnovamento

Lo so che Roma nostra s’è cambiata
e s’ha da rinnovà da capo a fonno
perché ha da esse, come è sempre stata,
la città più magnifica der monno.
E’ troppo giusto che li vicoletti,
storti, anniscosti, stretti,
doveveno spari ne ‘sto momento
come cose de’ n’epoca passata…
Ma si sapessi si che accoramento
quanno che vado a fa ‘na passeggiata
e co’ la fantasia rivedo ancora
la vecchia Roma mia com’era allora.

Certo è bello er palazzo novecento
arto che pare voji sfonnà er celo,
ma a me me fa provà come un tormento,
ma a me me mette addosso come un gelo,
e ‘sto povero core da romano
ricerca ‘na casetta cor mignano.

E lo sogna un mignano: un mignanello
baciato da la luna… tutto in fiore…
e fra li fiori un grugno ciumachello
che co’ ‘no sguardo t’abbruciava er core.

E giro… e cerco… e quanno che ho veduto
tu m’hai da crede che te dico er vero:
me pare d’esse come ‘no sperduto
che a casa sua se sente forastiero.

Checco Durante da “Acquarelli, poesie romanesche”.