Poesie Archivio - Pagina 13 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

Cassandra

Er destino ha voluto che fossi capace
A legge l’anima pe’ quanto fugace
Cojevo ogni nota staccata e sfuggente
‘Na smorfia mai nata, ‘n occhiata pungente

Che fosse paura o desiderio latente
Mettevo a nudo ogni tipo de gente
In loro scoprivo la voce nascosta
Che segna la strada verso la fossa

0

Er Vento e la Nuvola

Er Vento e la Nuvola – Trilussa
Una Nuvola nera disse ar Vento:
“Damme un appuntamento
perchè stanotte ho da coprì la Luna”.
“E indove vòi che venga?””Verso l’una
dietro ar campanile der convento.
Se tratta de questioni delicate:”
disse piano la Nuvola “ho scoperto
un buggerìo de coppie innamorate
che la notte se baceno a l’aperto.
E’ un’immoralità
che proprio nun me va!”

32

Mi padre me diceva

Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione
a chi chiacchiera troppo; a chi promette
a chi dopo èsse entrato, fa: “permette?”;
a chi aribbarta spesso l’opinione
e a quello, co’ la testa da cojone,
che nu’ la cambia mai; a chi scommette;
a chi le mano nu’ le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ogni occasione
pe’ di’ de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre “so’ d’accordo”;
a chi s’atteggia come er più ber fico;
a chi parla e se move sottotraccia;
ma soprattutto a quello – er più balordo –
che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

Aldo Fabrizi

13

Testamento

Me piacerebbe d’esse seppellito,
magara doppo morto, in cima a un colle,
senza la cassa, a pelle cò le zolle,
in pizzo ar mare, limpido e infinito.

0

La crisi de coscenza

La crisi de coscenza pò succede
da un dubbio che te rode internamente:
come rida’ la fede a un miscredente,
pò rilevalla a quello che ce crede.

0

Dicono che

Dicono che quanno se mòre
diventa silenzio ogni rumore.
Arriva la pace tanto agognata.
Avevi sperato. L’avevi sognata.

1

L’invito

Nun m’aricordo bene in che paesetto,
quanno che mòre un capo de famìa,
er parentado je fà compagnia,
facenno un pranzo intorno ar cataletto.

0

Er Mortorio

Appresso ar mio num vojo visi affritti,
e pe’ fa’ ride pure a ‘st’occasione
farò un mortorio con consumazione…
in modo che chi venga n’approfitti.

0

La fretta

Se stà a fà sera e nantra giornata de lavoro se n’è annata:
c’ho l’ossa tutte rotte, la capoccia frastornata.
Cammino senza prescia, tanto, che devo fa?
Si torno a casa me tocca pure sfacchinà!

0

La vita dell’Omo

Nove mesi a la puzza: poi in fassciola
tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni:
poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola,
cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni.