Poesie Archivio - Pagina 13 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

4

Romolo e Lucullo

Er romano così focoso e bullo
se sa ch’è un discendente de Lucullo,
de quell’antico e celebbre romano
che diede er nome ar “ pranzo luculliano”
Pé questo fino dall’antichità
ha mantenuto er curto der magnà.
E figurete mo che víé Natale…
Checco durante

4

La Politica

Ner modo de pensà c’è un gran divario:
mi’ padre è democratico cristiano,
e, siccome è impiegato ar Vaticano,
tutte le sere recita er rosario;

de tre fratelli, Giggi ch’er più anziano
è socialista rivoluzzionario;
io invece so’ monarchico, ar contrario
de Ludovico ch’è repubbricano.

Prima de cena liticamo spesso
pe’ via de ‘sti principî benedetti:
chi vò qua, chi vò là… Pare un congresso!

Famo l’ira de Dio! Ma appena mamma
ce dice che so’ cotti li spaghetti
semo tutti d’accordo ner programma.

Trilussa
(1915)

0

Chi sarà stato?

Chi sarà stato?
Aldo Fabrizi

Ho letto cento libri de cucina.
de storia, d’arte, e nun ce nè uno solo
che citi co’ la Pasta er Pastarolo
che unì pe’ primo l’acqua e la farina.

0

La tragedia

Fanno ar Quirino ‘na tragedia in prosa
Che si la vedi, fio, te fa terrore.
Er fatto è quasi uguale ar «Trovatore»,
Ma er fatto proprio, è tutta un’antra cosa.

2

Rinnovamento

Lo so che Roma nostra s’è cambiata
e s’ha da rinnovà da capo a fonno
perché ha da esse, come è sempre stata,
la città più magnifica der monno.
E’ troppo giusto che li vicoletti,
storti, anniscosti, stretti,
doveveno spari ne ‘sto momento
come cose de’ n’epoca passata…
Ma si sapessi si che accoramento
quanno che vado a fa ‘na passeggiata
e co’ la fantasia rivedo ancora
la vecchia Roma mia com’era allora.

Certo è bello er palazzo novecento
arto che pare voji sfonnà er celo,
ma a me me fa provà come un tormento,
ma a me me mette addosso come un gelo,
e ‘sto povero core da romano
ricerca ‘na casetta cor mignano.

E lo sogna un mignano: un mignanello
baciato da la luna… tutto in fiore…
e fra li fiori un grugno ciumachello
che co’ ‘no sguardo t’abbruciava er core.

E giro… e cerco… e quanno che ho veduto
tu m’hai da crede che te dico er vero:
me pare d’esse come ‘no sperduto
che a casa sua se sente forastiero.

Checco Durante da “Acquarelli, poesie romanesche”.

0

La Gente

Volle restà co’ me perché la zia
j’aveva dato un’ombrellata in testa.
– Vedrai che sarò bona, sarò onesta…
Carlo! – me disse – nun me mannà via!
Sennò, lo sento, faccio una pazzia!… –
Io, che leggevo, j’arisposi: Resta. –

0

Cassandra

Er destino ha voluto che fossi capace
A legge l’anima pe’ quanto fugace
Cojevo ogni nota staccata e sfuggente
‘Na smorfia mai nata, ‘n occhiata pungente

Che fosse paura o desiderio latente
Mettevo a nudo ogni tipo de gente
In loro scoprivo la voce nascosta
Che segna la strada verso la fossa

0

Er Vento e la Nuvola

Er Vento e la Nuvola – Trilussa
Una Nuvola nera disse ar Vento:
“Damme un appuntamento
perchè stanotte ho da coprì la Luna”.
“E indove vòi che venga?””Verso l’una
dietro ar campanile der convento.
Se tratta de questioni delicate:”
disse piano la Nuvola “ho scoperto
un buggerìo de coppie innamorate
che la notte se baceno a l’aperto.
E’ un’immoralità
che proprio nun me va!”

32

Mi padre me diceva

Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione
a chi chiacchiera troppo; a chi promette
a chi dopo èsse entrato, fa: “permette?”;
a chi aribbarta spesso l’opinione
e a quello, co’ la testa da cojone,
che nu’ la cambia mai; a chi scommette;
a chi le mano nu’ le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ogni occasione
pe’ di’ de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre “so’ d’accordo”;
a chi s’atteggia come er più ber fico;
a chi parla e se move sottotraccia;
ma soprattutto a quello – er più balordo –
che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

Aldo Fabrizi

13

Testamento

Me piacerebbe d’esse seppellito,
magara doppo morto, in cima a un colle,
senza la cassa, a pelle cò le zolle,
in pizzo ar mare, limpido e infinito.