Poesie Archivio - Pagina 16 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

4

Er ventre de vacca o pe’ capisse mejo er Parlamento

I.
Er deputato appena è deputato
pensa subbito a fasse un portafojo
e p’avello, ce sii qualunque scojo,
nu’ la pianta finché nu’ l’ha spuntato.

Si è un somaro, allora sta ingoffato
davanti a chi guverna e l’ogne d’ojo;
si è dotto je comincia a dà cordojo
finché nu’ l’ha sbattuto e aribbartato,

Tutti l’istessi so’, destri e sinistri;
er gioco sta ne’ ribbartà er guverno
p’annacce loro e diventà ministri.

Arivati a succhiasse quela manna,
siccome quella pacchia nun è eterna,
fanno; “Mo, panza mia, fatte capanna!”

0

L’arte der campà auffa

Nina, sai c’hai da fà? bbuttete addosso
presto-presto quer cencio de mantijja,
e vva’ a bbussà dda la sora Scescijja,
che inzin’a ggiuveddí mm’impresti un grosso.

Sí nun ce trovi lei, dillo a la fijja,
e cche ssei ita tu perch’io nun posso,
ché cciò un dolore cqui ddrent’in un osso
che mme fa spasimà cquanno me pijja.

0

Li quadrini sudati

A cchi avemo ggià dato er momoriale?
Ripassamo un po’ er conto, fijja mia.
A li Bbrevi, in Consurta, in Dataria,
ar Papa, ar cumputista cammerale,

a li Sussidî, in Limosinaria,
ar prelato che ffanno cardinale,
ar Vicario, a l’impresa, a ddon Pasquale
pe li spojji e cquell’antra Opera-pia…

0

Come vié più bona?

E’ sempre bona, come sia, stufata,
a scappa e fugge, ar salto, abbrustolita,
ar naturale, semprice, farcita,
bollente, fredda, tiepida, gelata.

Ar dente, scotta, insipida, salata,
bastarda, inciafrujata, rotta, trita,
a la Francese, “molla e ribollita”
a la Svizzera, “languida e incollata”.

0

Er Caffettiere Filosofo

L’ommini de sto monno sò ll’istesso
Che vvaghi de caffè nner mascinino:
C’uno prima, uno doppo, e un antro appresso,
Tutti cuanti però vvanno a un distino.

Spesso muteno sito, e ccaccia spesso
Er vago grosso er vago piccinino,
E ss’incarzeno, tutti in zu l’ingresso
Der ferro che li sfraggne in porverino.

0

A Villa Medici

Te l’aricordi più le passeggiate
in queli vicoletti de verdura,
in quele grotticelle sprofumate
che parevano fatte su misura
pe’ fa’ passà le coppie innamorate?

Te l’aricordi più, ciumaca bella,
la testa de quer satiro che stava
anniscosta framezzo alla mortella,
che rideva e faceva capoccella
pe’ minchionà la gente che passava?

0

Er Salice Piangente

– Che fatica sprecata ch’è la tua!
– diceva er Fiume a un Salice Piangente
che se piagneva l’animaccia sua –
Perchè te struggi a ricordà un passato
se tutto quer che fu nun è più gnente?
Perfino li rimpianti più sinceri
finisce che te sciupeno er cervello
per quello che desideri e che speri.
Più ch’a le cose che so’ state ieri
pensa a domani e cerca che sia bello!

0

Ponte dell’Angioli

È cascato pe’ sbajo sopra ar Tevere.
L’angioli, boni boni,
se so’ appollati su li murajoni;
e de guardia a l’imbocco
ce stanno li capoccia de la nave:
san Pietro co’ la chiave,
san Paolo co’ lo stocco.

0

La Terza Roma

La terza Roma nun s’intenne mica
che da Romolo in qua ce so’ tre Rome:
naturalmente je se dà sto nome
pe’ potella distingue dall’antica.

De Roma Nostra, Dio la benedica,
nun ce n’è che una sola: ma siccome
fu impastata, je successe come
succede co’ la crosta e la mollica.

0

Via dell’Orso

Legata a un filo, arta
sopra a li tetti – e come arubba un’accia
ar gnommero, più arta –
una stella de carta
empie er celo de Ponte.
Ho corso via de Monte
Brianzo – uno sperduto su la traccia
d’un filo teso – ho corso
vicolo der Leùto
e sbocco finarmente a via dell’Orso.