Letteratura Archivio - Pagina 2 di 4 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Letteratura

1

Li giornalisti

Ma l’arte, amore mio, so’ tutte eguale
E quanno le vòi fa’ senza talento,
Tu hai voja a faticà’, ne pòi fa’ cento,
Che all’urtimo so’ tutte tale e quale.

Io che fo? Venno er fojo der giornale:
Me capo er più ber fatto che c’è drento,
Je do fiato a la voce, sentimento,
E ce ricavo sempre la morale.

Guarda jeri: che c’era? Roba andante!
Er solo morto de quer fruttarolo
Che scoperse la moje co’ l’amante.

E che antro? Gnent’antro, t’aricordi?
Eppure, vedi, co’ quer morto solo
Ci ho guadambiato venticinque sòrdi.

Cesare Pascarella

12

E’ Romano de Roma

Er vero romano de Roma, è strafottentissimo e sse ne… sgrulla artissimamente fino (e ppuro un
po’ ppiù ssu), de li sette cèli!
Nun pô ssofrì’ la lègge: tutto quello che je sa d’ubbidienza, nu’ lo pò ignòtte.
Chi jé la fa jé la scónta: quanno ariceve quarch’affronto, sé vô aripagà’ dda sé: nun vô
impiccioni dé mezzo: ni cherubbigneri, ni tribbunali: a la ggiustizia (e ha millanta raggione!) nun
ce crede.
Er vero romano de Roma, nun sa ffa’ er ciarlatano. Si è ômo de talento, nun se sa apprezzà’; sse ne
stà aritirato come una lumaca in de la su’ côccia.
Vorebbe avécceli io tanti scudi pe’ quanti artistoni èstri e nnostrali, passeno pe’ gran talentoni, e
nun valerebbeno una cica, si in de li loro studi nun ciavéssino tamanti de veri artisti romaneschi
che a vvedélli nu’ li pagheréssivo un sôrdo, e cche ffanno statuve, quadri e ccose prezziose da
strasecolà’, llavoranno a ggiornata a sei o a ssette scudi ar giorno.
Finita ch’hanno la statuva o er quadro, ariva l’artistone magno, conosciuto in culibusmunni, ce
mette la su’ firma e ttócca la viòla!
E quello che ha ffatto la statuva, er vero ’utore, la sera, lo troverete in d’un osteria a ggiócà’ a
ccarte e a imbriacasse, sgrullànnosene artissimanlente de la grolia e dde’ tutti: è vvero però che
mmôre ne la miseria.

3

Li princìpi

Diceva bene Checco a l’osteria:
«Ogni omo deve avécce er suo pensiero».
Pensi bianco? Si un antro pensa nero
Rispetteje er pensiero e cusì sia.

Vor di’, si te ce trovi in compagnia,
Je pôi di’: — Tu te sbaji… Nun è vero… —
Ma, sempre semo lì, vacce leggero,
Perché ar monno ce vo’ filosofia.

E scrìvetelo drento a la ragione,
Che fra l’omo e er principio cambia aspetto.
Io defatti, si in quarche discussione

Trovo che dì’ co’ quarche giovenotto,
Quello che sia principio lo rispetto,
Ma quello che sia omo lo scazzotto.

2

Contro er malocchio

Contro er malocchio o occhiaticcio che sii, bbisogna portà’ addosso la mollica der pane, er sale, er pelo der tasso, l’acqua de le sette Bbasiliche e’ llumencristi, o li cornétti de corallo, speciarmente de quelli trovati pe’ strada o cche vve so’ stati arigalati.

E quanno quarchiduno ve fa er malocchio bbisogna dije: «Malocchio nun ce possi, e ttaràntola t’entri in cu…», — e in der medemo tempo faje tanto de corna.

Bbisogna puro fa’ li consuveti scongiuri quanno quarcuno ve dice: «Come ve séte rimésso bbene! Come state bbianco e rosso che Ddio ve bbenedichi! Come state in salute e eccetra eccetra», perchè ppó èsse’ che vve lo dichi per invidia.

9

L’arma d’un papa barbiere

Sopre la porta Pia, sur frontone in arto che sta dde faccia a la via Venti Settembre, si cce fate caso, c’è un scherzo de pietra fatto da ll’architetto che ha frabbicato quela porta.

Siccome dice ch’er papa che l’ha ffatta fa’ ne vieniva de discennenza da la famija d’un barbiere, l’architetto pe’ ffallo sapè’ a ttutto er monno, cià fatto scorpì’ quela gran cunculina, co’ ddrento in mezzo un ppezzo de sapone e intorno a la cunculina er su’ sciuttamano co’ la su’ bbrava frangia de qua e dde llà.

Scherzo che ddar medemo architetto è stato messo puro de qua e dde llà de la porta médéma.

2

Carnevale romano

Del romano patriziato
gentiluomo popolar
per le vie sono ammirato
dalla folla al mio passar!

Dicon tutti che son strano…
sento molti a mormorar…
sol il buon popolo romano
mi vuol bene e lascia far!

Spesse volte la mia mente
burle atroci sa trovar…
sol pero’ per quella gente
che e’ un dover il castigar!

Se i costumi son corrotti
so la satira adoperar
che alla volta a bestie e a dotti
puo’ la schiena raddrizzar!

7

J.W. Goethe – Viaggio in Italia: Il Carnevale – I Moccoli

Il martedì grasso si era soliti concludere il carnevale con la battaglia dei moccoletti. Ciascuno si muniva di un moccolo, ovvero di una candela accesa racchiusa in un paralume di carta, e cercava di spegnere quello di chi gli stava vicino. Guai a farsi spegnere il moccolo: si sarebbe stati alla mercé di ingiurie di ogni tipo a cui però non si sarebbe potuto replicare.
Goethe ci descrive così questa usanza:

1

Roma Malandrina

Dico sempre a tutti, quando mi capita, che Roma è la città più bella del mondo. Delle città che conosco, è quella dove preferisco vivere: anzi, ormai, non concepisco di vivere altrove. Gli incubi peggiori sono quelli in cui sogno di dover lasciare Roma per tornare nell’Italia del nord.

4

….ma l’amore mio non muore!

Tutto muore quaggiù! Muore l’insetto,
muore il cane, il cavallo, ed il cammello;
muore il rospo, la pecora e il capretto,
muore il pesce, il mammifero e l’uccello.
Muore la pianta, la radice e il fiore…
…ma l’amore mio, ma l’amore mio non muore!

Era di maggio e c’erano le rose
quando la vidi la prima volta.
Le dissi: T’amo! e lei non mi rispose.
Allor le sussurrai: Fermati e ascolta.
Sono quasi le sette e il giorno muore…
…ma l’amore mio, ma l’amore mio non muore!

Sarà lungo il tuo amore, veramente?
– lei mi chiedea, fra un bacio e una carezza –
Ed io le rispondeva dolcemente:
vedrai tu stessa, cara , che lunghezza!…
Si spegne il sole e il mar cambia colore…
…ma l’amore mio, ma l’amore mio non muore!

Ma appena la sposai, quell’angiolella
divnne tosto un viscido serpente!
La docile e gentile pecorella
mise le corna, inaspettatamente…
Poi le mise anche a me, senza pudore
…ma l’amore mio, ma l’amore mio non muore!

Dicon che ci sia stato qualche cosa
fra lei ed un dei miei migliori amici:
ma la sfacciata giusra senza posa
che non c’è stata neanche la camicia!
Ah mi farà mori di crepacuore…
…ma l’amore mio, ma l’amore mio non muore!

Non mi fa che dispeti e sgarberie,
mi nasconde le scarpe ed i calzini,
per cui se voglio far le cose mie
le devo far senza pantaloni!
Mi tratta peggio assai d’un servitore…
…ma l’amore mio, ma l’amore mio non muore!

Mi bastona, mi fa patir la fame,
non ho neppure il pane a volontà!
Se le chiedo una pera, quell’infame
me l’avvicina e poi non me la dà!
Mi devo accontentare dell’odore
…ma l’amore mio, ma l’amore mio non muore!

Un amico m’ha dato un canarino;
ma lei non può soffrir neppure quello!
Per cui son sicuro che un bel mattino
mi sveglierò, purtroppo, senza uccello!
Ne proverò un terribile dolore
…ma l’amore mio, ma l’amore mio non muore!

Ettore Petrolini

2

Storiella

Sulla sponda dell’Aniene, prima di Ponte Nomentano, un ometto sta pescando tranquillamente con la lenza.
A un tratto vede un tale che, deliberatamente, si butta nel fiume.
L’ometto lascia la lenza, si leva la giacca, si getta a nuoto e salva quello che stava per annegare.