Poesie Archivio - Pagina 11 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

7

La sincerità

Poesia di Trilussa
LA SINCERITA’

M’aricorderò sempre che mi’ nonno
pe’ famme pija sonno,
me diceva la favola de quello
ch’annava in cerca de sincerità.
Io, però, m’addormentavo sur più bello
che nemmeno arivavo a la metà.

5

[ ]

Pe’ conto mio la favola più corta
è quella che se chiama Gioventù:
perché… c’era una vorta…
e adesso nun c’è più

E la più lunga? E’ quella della Vita:
la sento raccontà da che sto ar monno
e un giorno, forse, cascherò dar sonno
prima che sia finita…

1

Sogni

Sogni
di Mario dell’Arco

Er salice piangente
sogna la permanente. Er girasole
sogna de fa er paino
co l’occhiai da sole.
Er merlo sogna che se trova addosso
la spilla cor rubbino
che ha visto da lontano ar pettirosso.
E le ranocchie a mollo ner pantano
sogneno mosce mosce
un paro de calosce

13

La felicità

La Felicità
Trilussa

C’è un’ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

3

Povera panza mia

Poesia di Aldo Fabrizi
Calà de peso è utile e conforta
perchè riempie de soddisfazione,
ma ‘sto riempimento è un illusione
che la panzetta mia nun la sopporta.

3

Padre, se anche tu non fossi il mio

San Giuseppe, Guido Reni

Padre, se anche tu non fossi il mio Padre
se anche fossi a me un estraneo,
per te stesso egualmente t’amerei.
Ché mi ricordo d’un mattin d’inverno
Che la prima viola sull’opposto
Muro scopristi dalla tua finestra
E ce ne desti la novella allegro.
Poi la scala di legno tolta in spalla
Di casa uscisti e l’appoggiasti al muro.
Noi piccoli stavamo alla finestra.

2

L’elezzione der presidente

Un giorno tutti quanti l’animali
sottomessi ar lavoro
decisero d’elegge un Presidente
che je guardasse l’interessi loro.
C’era la Società de li Majali,
la Società der Toro,
er Circolo der Basto e de la Soma,
la Lega indipendente
fra li Somari residenti a Roma;

3

Gabriella

La voce tua è ‘n incanto
Che lascia senza fiato
Spezzata come ‘r pianto
De ‘n còre appena nato

La voce tua me sfiora
Me porta fòri porta
E Roma se ‘nnamora
Come fosse ‘a prima vorta

La voce tua romana
È ‘n brivido che ariva
Ner fondo se rintana
E bacia questa riva…

17

Pasta alla capricciosella

Provate a fà ‘sto sugo ch’è un poema:
piselli freschi, oppure surgelati,
calamaretti, funghi «cortivati»,
così magnate senz’avè patema.

Pe fà li calamari c’è un sistema:
se mettono a pezzetti martajati
nell’ ajo e l’ojo e bene rosolati,
so’ teneri che pareno ‘na crema

Appresso svaporate un po’ de vino:
poi pommidoro, funghi e pisellini
insaporiti cor peperoncino.

Formaggio gniente, a la maniera antica,
fatece bavettine o spaghettini…
Bon appetito e Dio ve benedica!

4

Lo scialletto

LO SCIALLETTO
Trilussa

Cor venticello che scartoccia l’arberi
entra una foja in cammera da letto.
È l’inverno che ariva e, come ar solito,
quanno passa de qua, lascia un bijetto.
Jole, infatti, me dice: – Stammatina
me vojo mette quarche cosa addosso;
nun hai sentito ch’aria frizzantina? –
E cava fôri lo scialletto rosso,
che sta riposto fra la naftalina.