Poesie Archivio - Pagina 9 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

Er teppista a la dimostrazzione

Li sassi che volaveno per aria
cascaveno de peso tra le file
de li sordati, verdi pe’ la bile
de conservà la carma necessaria.

Come vôi che sparassero? Er fucile
che mira su la crasse proletaria
è un’infamia, un sopruso, una barbaria
che fa vergogna a un popolo civile!

E pe’ questo tiravo! A un polizzotto
je detti un sércio in testa e je strillai:
— Impunito! Bojaccia! Galeotto! —

Era precisamente er brigadiere
che m’arestò quer giorno sur tranvai
perché fregai l’orloggio a un forastiere.

Trilussa

5

Una fettina de Roma

Quello è Ssant’Antonin de Portoghesi.
Sta strada larga è la Scrofa, miledi;
Che vva a Rripetta e ar Popolo, e da piedi
Termina a Ssan Luviggi de Francesi.

Ecchesce a la Stelletta; e cqui, llei vedi,
Trova leggni pe tutti li paesi.
Qua ss’entra a Ccampo-Marzo. E ll’antri mesi?
L’antri mesi er Ziggnore li provedi.

Quell’è er Teatro Palaccorda; e cquelli
Che stanno un po’ ppiù ggiù, ssò ddu’ palazzi,
Chiamati de Negroni e de Cardelli.

Ecco er Palazzo de Fiorenza; e infatti
Ce sta er Cònzole; e llà er Palazzo Pazzi,
Dove una vorta sc’ereno li matti.

Giuseppe Gioacchino Belli

18

Li soprani der monno vecchio

C’era una vorta un Re che dar palazzo
mannò fora a li popoli st’editto:
“ Io sò io, e voi nun zete un cazzo,
sori vassalli buggiaroni, e zitto.

Io fo dritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve a tutti a un tant’er mazzo:
io, si ve fo impiccà, nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

7

La cecala d’oggi

Una Cecala,che pijava er fresco
all’ombra der grispigno e de l’ortica,
pe’ da’la cojonella a ‘na Formica
cantò ‘sto ritornello romanesco:
– Fiore de pane,
io me la godo, canto e sto benone,
e invece tu fatichi come un cane.
– Eh!da qui ar bel vedé ce corre poco:

11

Indolenza romana

L’autentico romano è questo qui:
risparmia er fiato ar massimo che po’,
dondola la capoccia pe’ di’ “No!”
e abbassa l’occhi si ha da di’ de sì.

Pe’ risponne ar telefono fa: “Si…”
Si ha da chiama’ quarcuno, strilla: “Aò!”
E quanno co’ le mano forma un “O”
vordì du’ occhi o un bucio da ingrandì.

10

Er discorso de la corona

C’era una vorta un Re così a la mano
ch’annava sempre a piedi come un omo,
senza fanfare, senza maggiordomo,
senza ajutante…; insomma era un Sovrano
che quanno se mischiava fra la gente
pareva quasi che nun fosse gnente.

A la Reggia era uguale: immaginate
che nun dava mai feste, e certe vorte
ch’era obbrigato a dà’ li pranzi a Corte
je faceva li gnocchi de patate,
perché — pensava — la democrazia
se basa tutta su l’economia.

— Lei me pare ch’è un Re troppo a la bona:
— je diceva spessissimo er Ministro
— e così nun pô annà, cambi reggistro,
se ricordi che porta la Corona,
e er popolo je passa li bajocchi
perché je dia la porvere nell’occhi.

— Ma lui nun ce badava: era sincero,
diceva pane ar pane e vino ar vino;
scocciato d’esse er primo cittadino
finiva pe’ regnà soprappensiero,
e in certi casi succedeva spesso
che se strillava «abbasso» da lui stesso.

Un giorno che s’apriva er Parlamento
dovette fa’ un discorso, ma nun lesse
la solita filara e promesse
che se ne vanno come fumo ar vento:
— ‘Sta vorta tanto — disse — nun so’ io se nu’ je la spiattello a modo mio.

1

La donna gravida

Io nun zo ccosa v’annate scercanno
co l’arzà ttutt’er giorno tanti pesi.
Nun zapete che state in zette mesi?
Ve volete sconcià ccome l’antr’anno?

Ggià ssete avvezza in quell’antri paesi
dove se porta lo spadino e ’r panno;
ma cqui ccerte fatiche nun ze fanno:
cqua nnoi semo romani e nnò arbanesi.

Quest’aria nun è aria da villani.
Noi nun zemo facchini, io ve l’ho ddetto:
noi pe ggrazzia de ddio semo romani.

Er crima nostro è un crima bbenedetto
indove oggi te scarmi? ebbè ddomani
sta’ ppuro scerta che tte metti a lletto.

Giuseppe Gioacchino Belli, 19 ottobre 1835

3

Ripari

Un vecchio Merlo se vantava spesso
de dormì fra le zampe d’un Leone
senza di’ ch’er Leone era de gesso.

Quante persone, co’ lo stesso trucco,
hanno scroccato la reputazzione
riparate da un simbolo de’ stucco!

(Trilussa)

2

La verità

‘Na gavetta de granci giornalisti
che rajeno carote a chi li paga;
‘na voja da fregasse che s’allaga;
ingiustizie e spettacoli mai visti,

deputati magnoni e pagnottisti,
fregnacce d’agguantasse co’ la draga,
ministri framassoni e camorristi
che nun fann’antro ch’ingrossà la piaga.

Conocchie, preti, gente che s’addanna,
strozzini, tasse, giudici vennuti…
e in fonno er Vaticano che commanna.

Er merito che more su la paja
e la grolia che ghigna a li cornuti:
Ecco le condizioni de l’Itaja!…

(Giggi Zanazzo, 30 marzo 1893)

4

Troppi vizzi!

Al caro amico e maestro Giggi Zanazzo

Si, nun se po’ negà, qui anticamente
se campava un po’ troppo a la carlona,
ciavémio troppi vizzî, e tanta gente
cresceva in d’una pacchia buggiarona;
magnà, beve, vignate, carnevale…
Eh, s’erimo avvezzati troppo male!

Ma, fortunatamente ch’er progresso
è venuto a rimettece giudizzio,
perché già cià levato quarche vizzio
e penserà a levacceli in appresso,
e a forza de levalli a uno a uno
nun ciavremo vizzi più gnisuno.

Er governo e l’aggente de le tasse
ciànno levato er vizzio de magnà;
a beve c’è toccato a lassà annà
perché a le vorte c’è da avvelenasse;
e quanno uno nun beve e nun cucina
nun je serve nemmanco la latrina.

Apposta, a Campidojo, l’assessori
de l’edilizzia, da un pezzetto in quà
fanno levà tutti l’orinatori,
cusì chi cià’r vizziaccio d’orinà
cerca de prescia in tutti li cantoni
‘nsino che se la fa ‘nde li carzoni.

Poi, a forza d’aricresce le piggione
se leveremo er vizzio d’abbità,
accusì s’anneremo a rintanà
o in quarche macchia come Gasperone,
o come Adamo e’ Eva in d’un giardino
co’ ‘na fronna de fico sur pipino!

(Adolfo Giaquinto, Settembre 1908)