Poesie Archivio - Pagina 9 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

2

Lo scolo der ’34

Oggi trentun discemmre, ch’è ffinita
st’annata magra de Ggiusepp’abbreo,
la siggnora fratesca ggesuita
pe rrenne grazzie a Ddio canta er Tedeo.

Dimani poi, si Ccristo je dà vvita,
ner medemo convento fariseo
s’intona un’antra antifona, aggradita
a lo Spiritossanto Paracreo.

E a cche sserveno poi tanti apparecchi?
er distino oramai pare disciso
c’oggn’anno novo è ppeggio de li vecchi.

Pòi defatti cantà cquanto tu vvòi,
ché ggià Ddio bbenedetto ha in paradiso
antri gatti a ppelà che ssentí nnoi.

31 dicembre 1834, “Lo scolo der ’34”, Sonetto di G.G.Belli

2

Li calendari

I
Jeri me so’ comprato un calendario,
si tu lo vedi, ch’è ‘na sciccheria:
ortre der giorno e er santo, c’è l’orario
cór cambiamento de l’Avemmaria.

De dietro a ogni fojetto der lunario
c’è er pezzettino d’una poesia,
un proverbio, un consijo culinario,

e la ricetta pe’ ‘na malatia.
Però er cattivo è questo: se un ber giorno
nun ciò un bajocco, trovo sur fojetto:
«Sottopetti di pollo col contorno.»

E se a marzo me scotto in quarche posto,
p’avé er rimedio da ‘sto lunarietto,
ho d’aspettà li sedici d’agosto…

II
Questo sarebbe gnente: ciò trovato
un impiccio davero più maggiore,
perché se vede che lo stampatore,
co’ la prescia o che antro, s’è sbajato.

Er fatto sta che a un giorno cià mischiato
una bella sentenza su l’amore
cór modo de curasse er rifreddore
e de còce l’abbacchio brodettato.

Defatti ce so’ scritte ‘ste parole:
«Se amate veramente una donzella
fregatevi la parte che vi dole:

pigliate una pezzetta di flanella…
sbattete l’uova ne le cazzarole
e dopo ciò mettetelo in padella…»

Trilussa

4

‘Na Bella passeggiata

Annavo passeggianno pè ‘r Tritone
– perché tanto all’ufficio c’era festa –
e vò a infrocià cò ‘na dimostrazione
che se faceva in segno de protesta

Me se para davanti ‘n capellone,
strilla: “Er potere ar popolo!” e m’assesta
un carcio in panza. Casco ginocchione
e lui me dà ‘na tortorata in testa.

Si c’ereno le guardie? Mancomale!
Ma nun arzeno un dito, quelli, senza
l’ordine che je viè dar Viminale.

Pè fortuna, però, c’è chi ce penza.
Ho letto, mentre stavo all’ospedale,
che er governo condanna la violenza.

Carlo Tarini

4

La sincerità ne li comizzi

Er deputato, a dilla fra de noi,
ar comizzio ciagnede(1) contro voja,
tanto ch’a me me disse: — Oh Dio che noja! —
Me lo disse, è verissimo: ma poi

sai come principiò? Dice: — È con gioja
che vengo, o cittadini, in mezzo a voi
per onorà li martiri e l’eroi,
vittime der Pontefice e der boja! —

E, lì, rimise fòra l’ideali,
li schiavi, li tiranni, le catene,
li re, li preti, l’anticlericali…

Eppoi parlò de li principî sui:
e allora pianse: pianse così bene
che quasi ce rideva puro lui!

Trilussa, 1920

3

L’aquila romana

L’antra matina l’Aquila romana,
che ce ricorda, chiusa ne la gabbia(1),
le vittorie d’un’epoca lontana,
disse a la Lupa: — Scusa,
ma a te nun te fa rabbia
de sta’ sempre rinchiusa?
Io, francamente, nu’ ne posso più!
Quanno volavo io! Vedevo er monno!
M’avvicinavo ar sole! Invece, adesso,
così incastrata(2) come m’hanno messo,
che voi che veda? l’ossa de tu’ nonno(3)?
Quanno provo a volà trovo un intoppo,
più su d’un metro nun arivo mai… —
La Lupa disse: — È un volo basso assai,
ma pe’ l’idee moderne è puro troppo!
È mejo che t’accucci e stai tranquilla:
nun c’è che l’animale forastiere
che viè trattato come un cavajere
e se gode la pacchia(4) d’una villa!
L’urtimo Pappagallo de la Mecca,
appena ariva qua, se mette in mostra,
arza le penne(5) e dice: Roma nostra…
E quer che trova becca(6).
Viva dunque la Scimmia der Brasile!
Viva la Sorca isterica
che ariva da l’America!
Noj antri? Semo bestie da cortile.
Pur’io, va’ là, ciò fatto un ber guadagno
a fa’ da balia a Romolo! Accicoria(7)!
Se avessi da rifà la stessa storia
invece d’allattallo me lo magno!

Trilussa

0

Er teppista a la dimostrazzione

Li sassi che volaveno per aria
cascaveno de peso tra le file
de li sordati, verdi pe’ la bile
de conservà la carma necessaria.

Come vôi che sparassero? Er fucile
che mira su la crasse proletaria
è un’infamia, un sopruso, una barbaria
che fa vergogna a un popolo civile!

E pe’ questo tiravo! A un polizzotto
je detti un sércio in testa e je strillai:
— Impunito! Bojaccia! Galeotto! —

Era precisamente er brigadiere
che m’arestò quer giorno sur tranvai
perché fregai l’orloggio a un forastiere.

Trilussa

5

Una fettina de Roma

Quello è Ssant’Antonin de Portoghesi.
Sta strada larga è la Scrofa, miledi;
Che vva a Rripetta e ar Popolo, e da piedi
Termina a Ssan Luviggi de Francesi.

Ecchesce a la Stelletta; e cqui, llei vedi,
Trova leggni pe tutti li paesi.
Qua ss’entra a Ccampo-Marzo. E ll’antri mesi?
L’antri mesi er Ziggnore li provedi.

Quell’è er Teatro Palaccorda; e cquelli
Che stanno un po’ ppiù ggiù, ssò ddu’ palazzi,
Chiamati de Negroni e de Cardelli.

Ecco er Palazzo de Fiorenza; e infatti
Ce sta er Cònzole; e llà er Palazzo Pazzi,
Dove una vorta sc’ereno li matti.

Giuseppe Gioacchino Belli

18

Li soprani der monno vecchio

C’era una vorta un Re che dar palazzo
mannò fora a li popoli st’editto:
“ Io sò io, e voi nun zete un cazzo,
sori vassalli buggiaroni, e zitto.

Io fo dritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve a tutti a un tant’er mazzo:
io, si ve fo impiccà, nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

7

La cecala d’oggi

Una Cecala,che pijava er fresco
all’ombra der grispigno e de l’ortica,
pe’ da’la cojonella a ‘na Formica
cantò ‘sto ritornello romanesco:
– Fiore de pane,
io me la godo, canto e sto benone,
e invece tu fatichi come un cane.
– Eh!da qui ar bel vedé ce corre poco:

11

Indolenza romana

L’autentico romano è questo qui:
risparmia er fiato ar massimo che po’,
dondola la capoccia pe’ di’ “No!”
e abbassa l’occhi si ha da di’ de sì.

Pe’ risponne ar telefono fa: “Si…”
Si ha da chiama’ quarcuno, strilla: “Aò!”
E quanno co’ le mano forma un “O”
vordì du’ occhi o un bucio da ingrandì.