Poesie Archivio - Pagina 18 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

Er zegretario de Piazza Montanara

Siggnori, chi vvò scrive a la regazza
venghino ch’io ciò cqua llettre stupenne.
Cqua ssi tiè ccarta bbona e bbone penne,
e l’inchiostro il piú mmejjo de la piazza.

Cqua ggnisuno, siggnori, si strapazza.
Le lettre ggià ssò ffatte coll’N.N.
Basta mettérci il nome, e in un ammenne
chi ha ppresscia d’aspettà cqua ssi sbarazza.

0

L’allustrascarpe filosofo

So’ trentanni che fo sta professione,
E ancora, graziaddio! nun so’ mai morto;
So’ vecchio, ar camminà’ cammino storto,
Eppure, sarv’ognuno, sto benone.

La notte me rintano in d’un portone;
E la matina appresso, quanno sòrto,
Omina bona mea mècume porto
E me rimetto qui su sto cantone.

0

Io… e l’asino mio

‘Na vorta ‘no scurtore de cartello,
Dopo fatto un Mosè ch’era un portento,
Je disse: «Parla!» e lì co’ lo scarpello
Scorticò sur ginocchio er monumento.

Io pure mo ch’ho fatto st’asinello
Provo quasi l’istesso sentimento;
Ma invece d’acciaccallo cór martello
Lo licenzio co’ sto ragionamento:

2

‘Na predica de mamma

L’amichi? Te spalancheno le braccia
fin che nun hai bisogno e fin che ci hai;
ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai,
te sbatteno, fio mio, la porta in faccia.

Tu sei giovene ancora, e ‘sta vitaccia
nu’ la conoschi; ma quanno sarai
più granne, allora te n’accorgerai
si a ‘sto monno c’è fonno o c’è mollaccia.

2

Avviso

Er sinnico de Roma visto e visto …
che nun se pò annà avanti de ‘sto passo,
siccome nun fa sangue gnisun sasso,
j’ è necessario dà ‘st’annunzio tristo:

ch’er popolo de Roma tutto misto,
ricchi e pezzenti, quanno vanno a spasso
avranno da svenasse un tanto a passo
per ogni sercio ch’ averanno pisto .

La tassa è questa: un sòrdo ‘gni cratura,
un grosso l’artri. Insino a novo editto
resta aggratise er giro de le mura.

Er nerbo snerberà chi lo contraria
e aringraziate Iddio ch’ er sottoscritto
nun ve metti la tassa puro a l’aria.

0

La bbocca de la Verità

In d’una cchiesa sopra a ’na piazzetta
un po’ ppiú ssù dde Piazza Montana
rape la strada che pporta a la Salara,
c’è in nell’entrà una cosa bbenedetta.

Pe ttutta Roma cuant’è llarga e stretta
nun poterai trovà ccosa ppiú rrara.
È una faccia de pietra che tt’impara
chi ha ddetta la bbuscía, chi nnu l’ha ddetta.

0

Mal d’Amore

‘N’informazione stupida e curiosa
l’ho letta stammatina sur giornale;
e dice che l’amore è proprio un male
d’origgine maligna e misteriosa.

Er sintomo è ‘na fiacca generale,
che leva l’appetito d’ogni cosa,
e quanno che la panza è inoperosa,
viè l’urcera ar budello duodenale.

3

La Lucciola

Una povera Lucciola, una notte,
pijò de petto a un Rospo in riva ar fiume
e cascò giù coll’ale mezze rotte.
Ar Rospo je ce presero le fòtte.
Dice: “Ma come? giri con un lume
eppoi nemmanco sai.
dove diavolo vai?”

La Lucciola rispose: “Scusa tanto,
ma la luce ch’io porto nu’ la vedo
perchè ce l’ho de dietro: e, in questo, credo
che c’è stato uno sbajo ne l’impianto.
Io dove passo illumino: però
se rischiaro la strada ch’ho già fatta
nun distinguo la strada che farò.

E nun te dico quanti inconvenienti
che me procura quela luce interna:
ogni vorta che accènno la lanterna
li Pipistrelli arroteno li denti….

“Capisco,” disse er Rospo “rappresenti
la Civirtà moderna
che per illuminà chi sta a l’oscuro
ogni tantino dà la testa ar muro”.

26 ottobre 1916
Trilussa

0

Per cui…

Er solleone abbrucia la campagna,
la Cecala rifrigge la canzone
e er Grillo scocciatore l’accompagna.
“E’ la solita lagna!”
dico fra me: ma poi
penso che pure noi,
chi più chi meno, semo tutti quanti
sonatori ambulanti.

17

Sacrilegio

Oggi se pranza in piedi in ogni sito;
er vecchio tavolino apparecchiato,
che pareva un artare consacrato
nun s’usa più: la prescia l’ha abolito.

‘Na vorta er pranzo somijava a un rito,
t’accommodavi placido e beato,
aprivi la sarvietta de bucato…
un grazie a Cristo e poi… bon appetito!

Mò nun c’è tempo de mettesse a sede,
la gente ha perso la cristianità
e magna senz’amore e senza fede.

E’ proprio un sacrilegio: invece io,
quanno me piazzo a sede pe’ magnà,
sento ch’esiste veramente Dio!