Poesie Archivio - Pagina 19 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

2

Avviso

Er sinnico de Roma visto e visto …
che nun se pò annà avanti de ‘sto passo,
siccome nun fa sangue gnisun sasso,
j’ è necessario dà ‘st’annunzio tristo:

ch’er popolo de Roma tutto misto,
ricchi e pezzenti, quanno vanno a spasso
avranno da svenasse un tanto a passo
per ogni sercio ch’ averanno pisto .

La tassa è questa: un sòrdo ‘gni cratura,
un grosso l’artri. Insino a novo editto
resta aggratise er giro de le mura.

Er nerbo snerberà chi lo contraria
e aringraziate Iddio ch’ er sottoscritto
nun ve metti la tassa puro a l’aria.

0

La bbocca de la Verità

In d’una cchiesa sopra a ’na piazzetta
un po’ ppiú ssù dde Piazza Montana
rape la strada che pporta a la Salara,
c’è in nell’entrà una cosa bbenedetta.

Pe ttutta Roma cuant’è llarga e stretta
nun poterai trovà ccosa ppiú rrara.
È una faccia de pietra che tt’impara
chi ha ddetta la bbuscía, chi nnu l’ha ddetta.

0

Mal d’Amore

‘N’informazione stupida e curiosa
l’ho letta stammatina sur giornale;
e dice che l’amore è proprio un male
d’origgine maligna e misteriosa.

Er sintomo è ‘na fiacca generale,
che leva l’appetito d’ogni cosa,
e quanno che la panza è inoperosa,
viè l’urcera ar budello duodenale.

3

La Lucciola

Una povera Lucciola, una notte,
pijò de petto a un Rospo in riva ar fiume
e cascò giù coll’ale mezze rotte.
Ar Rospo je ce presero le fòtte.
Dice: “Ma come? giri con un lume
eppoi nemmanco sai.
dove diavolo vai?”

La Lucciola rispose: “Scusa tanto,
ma la luce ch’io porto nu’ la vedo
perchè ce l’ho de dietro: e, in questo, credo
che c’è stato uno sbajo ne l’impianto.
Io dove passo illumino: però
se rischiaro la strada ch’ho già fatta
nun distinguo la strada che farò.

E nun te dico quanti inconvenienti
che me procura quela luce interna:
ogni vorta che accènno la lanterna
li Pipistrelli arroteno li denti….

“Capisco,” disse er Rospo “rappresenti
la Civirtà moderna
che per illuminà chi sta a l’oscuro
ogni tantino dà la testa ar muro”.

26 ottobre 1916
Trilussa

0

Per cui…

Er solleone abbrucia la campagna,
la Cecala rifrigge la canzone
e er Grillo scocciatore l’accompagna.
“E’ la solita lagna!”
dico fra me: ma poi
penso che pure noi,
chi più chi meno, semo tutti quanti
sonatori ambulanti.

17

Sacrilegio

Oggi se pranza in piedi in ogni sito;
er vecchio tavolino apparecchiato,
che pareva un artare consacrato
nun s’usa più: la prescia l’ha abolito.

‘Na vorta er pranzo somijava a un rito,
t’accommodavi placido e beato,
aprivi la sarvietta de bucato…
un grazie a Cristo e poi… bon appetito!

Mò nun c’è tempo de mettesse a sede,
la gente ha perso la cristianità
e magna senz’amore e senza fede.

E’ proprio un sacrilegio: invece io,
quanno me piazzo a sede pe’ magnà,
sento ch’esiste veramente Dio!

Aldo Fabrizi

9

Magnà e dormì

Sò du vizzietti, me diceva nonno,
che mai nessuno te li pò levà,
perchè sò necessari pe campà,
sin dar momento che venimo ar monno.

Er primo vizzio provoca er seconno:
er sonno mette fame e fa magnà,
doppo magnato, t’aripija sonno,
poi t’arzi, magni e torni a riposà.

Insomma la magnata e la dormita,
massimamente in una certa età,
sò l’uniche du gioje de la vita.

La sola differenza è questa qui:
che pure si ciai sonno pòi magnà,
ma si ciai fame mica pòi dormì.

Aldo Fabrizi

4

Roma Sparita

Che t’hanno fatto? Dimme chi è stato
A fatte spari’ dar giorno alla notte!
Er volto che avevi te s’è deturpato
Come se er tempo t’ha dato le botte…

15

Er sorcio de città e er sorcio de campagna

Un Sorcio ricco de la capitale
invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
– Vedrai che bel locale,
vedrai come se magna…
– je disse er Sorcio ricco – Sentirai!
Antro che le caciotte de montagna!
Pasticci dorci, gnocchi,
timballi fatti apposta,
un pranzo co’ li fiocchi! una cuccagna! –
L’istessa sera, er Sorcio de campagna,
ner traversà le sale
intravidde ‘na trappola anniscosta;
– Collega, – disse – cominciamo male:
nun ce sarà pericolo che poi…?
– Macché, nun c’è paura:
– j’arispose l’amico – qui da noi
ce l’hanno messe pe’ cojonatura.
In campagna, capisco, nun se scappa,
ché se piji un pochetto de farina
ciai la tajola pronta che t’acchiappa;
ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
Le trappole so’ fatte pe’ li micchi:
ce vanno drento li sorcetti poveri,
mica ce vanno li sorcetti ricchi!

Trilussa

0

Er primo amore

Fu un venerdì , pe’ Pasqua Befania,
er sei gennaio der novantasei.
“No Checchino, è impossibbile! Tu sei
troppo scocciante co’ ‘sta gelosia!