Poesie Archivio - Pagina 19 di 19 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

4

Roma Sparita

Che t’hanno fatto? Dimme chi è stato
A fatte spari’ dar giorno alla notte!
Er volto che avevi te s’è deturpato
Come se er tempo t’ha dato le botte…

15

Er sorcio de città e er sorcio de campagna

Un Sorcio ricco de la capitale
invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
– Vedrai che bel locale,
vedrai come se magna…
– je disse er Sorcio ricco – Sentirai!
Antro che le caciotte de montagna!
Pasticci dorci, gnocchi,
timballi fatti apposta,
un pranzo co’ li fiocchi! una cuccagna! –
L’istessa sera, er Sorcio de campagna,
ner traversà le sale
intravidde ‘na trappola anniscosta;
– Collega, – disse – cominciamo male:
nun ce sarà pericolo che poi…?
– Macché, nun c’è paura:
– j’arispose l’amico – qui da noi
ce l’hanno messe pe’ cojonatura.
In campagna, capisco, nun se scappa,
ché se piji un pochetto de farina
ciai la tajola pronta che t’acchiappa;
ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
Le trappole so’ fatte pe’ li micchi:
ce vanno drento li sorcetti poveri,
mica ce vanno li sorcetti ricchi!

Trilussa

0

Er primo amore

Fu un venerdì , pe’ Pasqua Befania,
er sei gennaio der novantasei.
“No Checchino, è impossibbile! Tu sei
troppo scocciante co’ ‘sta gelosia!

0

Bolla de Sapone

Lo sai ched’è la Bolla de Sapone?
L’astuccio trasparente d’un sospiro.
Uscita da la canna vola in giro,
sballottolata senza direzzione,
pe’ fasse cunnolà, come se sia
dall’aria stessa che la porta via.