Poesie Archivio - Pagina 17 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

Er Caffettiere Filosofo

L’ommini de sto monno sò ll’istesso
Che vvaghi de caffè nner mascinino:
C’uno prima, uno doppo, e un antro appresso,
Tutti cuanti però vvanno a un distino.

Spesso muteno sito, e ccaccia spesso
Er vago grosso er vago piccinino,
E ss’incarzeno, tutti in zu l’ingresso
Der ferro che li sfraggne in porverino.

0

A Villa Medici

Te l’aricordi più le passeggiate
in queli vicoletti de verdura,
in quele grotticelle sprofumate
che parevano fatte su misura
pe’ fa’ passà le coppie innamorate?

Te l’aricordi più, ciumaca bella,
la testa de quer satiro che stava
anniscosta framezzo alla mortella,
che rideva e faceva capoccella
pe’ minchionà la gente che passava?

0

Er Salice Piangente

– Che fatica sprecata ch’è la tua!
– diceva er Fiume a un Salice Piangente
che se piagneva l’animaccia sua –
Perchè te struggi a ricordà un passato
se tutto quer che fu nun è più gnente?
Perfino li rimpianti più sinceri
finisce che te sciupeno er cervello
per quello che desideri e che speri.
Più ch’a le cose che so’ state ieri
pensa a domani e cerca che sia bello!

0

Ponte dell’Angioli

È cascato pe’ sbajo sopra ar Tevere.
L’angioli, boni boni,
se so’ appollati su li murajoni;
e de guardia a l’imbocco
ce stanno li capoccia de la nave:
san Pietro co’ la chiave,
san Paolo co’ lo stocco.

0

La Terza Roma

La terza Roma nun s’intenne mica
che da Romolo in qua ce so’ tre Rome:
naturalmente je se dà sto nome
pe’ potella distingue dall’antica.

De Roma Nostra, Dio la benedica,
nun ce n’è che una sola: ma siccome
fu impastata, je successe come
succede co’ la crosta e la mollica.

0

Via dell’Orso

Legata a un filo, arta
sopra a li tetti – e come arubba un’accia
ar gnommero, più arta –
una stella de carta
empie er celo de Ponte.
Ho corso via de Monte
Brianzo – uno sperduto su la traccia
d’un filo teso – ho corso
vicolo der Leùto
e sbocco finarmente a via dell’Orso.

7

L’Automobile e er somaro

Rottadecollo! – disse un somarello
ner vedè un Automobbile a benzina –
Indove passi tu nasce un macello!
Hai sbudellato un cane, una gallina,
un porco, un’oca, un pollo….
Povere bestie! Che carneficina!
Che fragello che fai! Rottadecollo!
Nun fiottà tanto, faccia d’impunito!

0

Cuppole

La cuppola è un pallone
ancorato sur tetto.
Chi è che l’ha gonfiato? L’architetto,
e lo fa seccardino o buraccione
secondo er fiato che se trova in petto.
Abbotta le ganasse Boromini:
soffia, e sorteno tanti cuppolini;
ce mette, drento, un’ala de pormone
Micchelangiolo, e nasce er Cuppolone

0

La creazione

Dio disse: « Mò che ho fatto Cielo e Tera,
domani attacco Luce e Firmamento,
mercoledì fò er mare, doppo invento
farfalle e fiori pe’ la Primavera.

Pe’ giovedì fò er Sole, verso sera
fò li Pianeti, er Fòco, l’Acqua, er Vento,
così se venerdì nun vado lento,
faccio sabbato ingrese e bònasera! »

0

La Dipromazzia

Naturarmente, la Dipromazzia
è una cosa che serve a la nazzione
p è conservà le bone relazione,
co’ quarche imbrojo e quarche furberia.

Se dice dipromatico p è via
che frega co’ ‘na certa educazzione,
cercanno de nasconne l’opinione
dietro un giochetto de fisionomia.