Poesie Archivio - Pagina 6 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

5

Er gioco detto de lo “SCALINO„

È un giôco che, come la Passatella, se fa ccor vino.
Èccheve in che mmodo.
Se paga tanto peròmo tutt’er vino che ss’ordina: e sse metteno sur tavolino tanti bbicchieri, pe’
quanti so’ li ggiocatori.
’Sti bbicchieri se metteno in fila. Ar primo ce se mette una góccia de vino, ar siconno un filo, ar
quarto un déto, ar quinto un déto e mmezzo, e accusì vvia discurenno, infinènta ar bicchiere de
mezzo che ss’empie tutto, e a quelli che vvièngheno appresso se cala er vino a mmano a mmano,
in modo che fformino come ttante canne d’orgheno o scalini, apposta er giôco se chiama accusì.
Fatto questo, se fà la conta.
Ar giocatore che je va la conta, se bbeve er bicchiere de mezzo, e ll’antri, siconno l’ordine de la
conta, bbeveno appresso a llui a mmano a mmano.
In modo che cc’è cchi bbeve tanto, chi ccusì ccusì, cchi guasi gnente, e cchi gnente der tutto.

Giggi Zanazzo

1

Taja ch’è rosso!

Piazza Colonna, e un celo paro paro
come un coperchio messo sur callaro.
Appena sente un soffio da ponente,
esce er cocommeraro;
e in fila, a fianco a fianco, sopra ar banco
tante lune scarlatte, a spicchi o tonne,
in un letto de fronne.
«Taja, ch’è rosso!». Piomba
er ganimede in bomba,
er greve e la minente:
lui in fongo e faraiolo,
lei in polacca e scioccaje cor pennente;
e in coda er pretazzolo.

[Continua…]

0

Castel Sant’Angiolo

Hanno voja le nuvole
a calà come farchi su Castello:
c’è l’Angiolo de guardia: un mulinello
a grugno duro in mezzo a la masnada,
e come vede azzuro
aripone ner fodero la spada.

Mario dell’Arco, 1946

1

Core de Tigre

CORE DE TIGRE
Trilussa

‘Na Tigre der serajo de Nummava,
come vidde tra er pubbrico ‘na donna
che la guardava tanto, la guardava,
disse ar Leone: — S’io incontrassi quella
in mezzo d’un deserto, e avessi fame,
mica la magnerebbe: è troppo bella!
Io, invece, bona bona,
j’annerebbe vicino
come fa er cagnolino
quanno va a spasseggià co’ la padrona. —
La bella donna, intanto,
pensanno che cór manto
ce sarebbe venuto un ber tappeto,
disse ar marito che ciaveva accanto:
— Io me la magno a furia de guardalla:
che pelo! che colori! com’è bella!
Quanto me piacerebbe a scorticalla!

52

La Panzanella

LA PANZANELLA
Aldo Fabrizi

E che ce vo’
pe’ fa’ la Panzanella?

Nun è ch’er condimento sia un segreto,
oppure è stabbilito da un decreto,
però la qualità dev’esse quella.

In primise: acqua fresca de cannella,
in secondise: ojo d’uliveto,
e come terzo: quer di-vino aceto
che fa’ venì la febbre magnarella.

Pagnotta paesana un po’ intostata,
cotta all’antica,co’ la crosta scura,
bagnata fino a che nun s’è ammollata.

In più, per un boccone da signori,
abbasta rifinì la svojatura
co’ basilico, pepe e pommidori.

12

Rigatoni a buro e parmigiano co’ l’asparaci

RIGATONI A BURO E PARMIGIANO CO’ L’ASPARACI
Aldo Fabrizi

Co’ tutti l’alimenti adurterati
lo stommico oramai nun cià più scampo
e pe’ chi soffre d’acido cor crampo,
‘sti Rigatoni so’ li più indicati.

L’asparaci, sia quelli cortivati
che quelli communissimi de campo,
se sciacqueno e s’allesseno in un lampo
pe’ nu’ scolalli mezzi sderenati.

Le punte magnarecce, quelle molle,
infarinate e all’ovo, le friggete
durante er tempo che la Pasta bolle.

E poi, si l’acqua pe’ li Rigatoni
se sala co’ du’ dadi, sentirete
si quanto ve riescheno più bòni

3

Er medico m’ha detto

ER MEDICO M’HA DETTO
Aldo Fabrizi

Commenda caro, è duopo che lo dica
ma l’italiano, escluso il proletario,
pappa tre volte più del necessario,
sottoponendo il cuore a ‘na fatica.

10

La verità

LA VERITA’
Trilussa

La Verità che stava in fonno ar pozzo
Una vorta strillò: – Correte, gente,
Chè l’acqua m’è arivata ar gargarozzo! –
La folla corse subbito
Co’ le corde e le scale: ma un Pretozzo
Trovò ch’era un affare sconveniente.
– Prima de falla uscì – dice – bisogna
Che je mettemo quarche cosa addosso
Perchè senza camicia è ‘na vergogna!
Coprimola un po’ tutti: io, come prete,
Je posso dà’ er treppizzi, ar resto poi
Ce penserete voi…

– M’assoccio volentieri a la proposta
– Disse un Ministro ch’approvò l’idea. –
Pe’ conto mio je cedo la livrea
Che Dio lo sa l’inchini che me costa;
Ma ormai solo la giacca
È l’abbito ch’attacca. –

Bastò la mossa; ognuno,
Chi più chi meno, je buttò una cosa
Pe’ vedè’ de coprilla un po’ per uno;
E er pozzo in un baleno se riempì:
Da la camicia bianca d’una sposa
A la corvatta rossa d’un tribbuno,
Da un fracche aristocratico a un cheppì.

Passata ‘na mezz’ora,
La Verità, che s’era già vestita,
S’arrampicò a la corda e sortì fôra:
Sortì fôra e cantò: – Fior de cicuta,
Ner modo che m’avete combinata
Purtroppo nun sarò riconosciuta!

4

Lasagne ar biondo Tevere

LASAGNE AR BIONDO TEVERE
Aldo Fabrizi

‘Sto piatto è proprio ‘na consolazione;
‘gni gracioletto rissomja a ‘na fravola
che appena messo in bocca ve se sfravola
come si fusse panna ar zabbaione.