Poesie Archivio - Pagina 8 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

10

S.P.Q.R.

Quell’esse, pe, cu, erre, inarberate
Sur portone de guasi oggni palazzo,
Quelle sò quattro lettere der cazzo,
Che nun vonno dì gnente, compitate.
M’aricordo però che da ragazzo,
Quanno leggevo a fforza de fustate,
Me le trovavo, sempre appiccicate
Drent’in dell’abbeccé ttutte in un mazzo.
Un giorno arfine me te venne l’estro
De dimannanne un po’ la spiegazzione
A don Furgenzio ch’era er mi’ maestro.
Ecco che m’arispose don Furgenzio:
“Ste lettre vonno dì, sor zomarone,
Soli preti qui reggneno: e ssilenzio”.

Gioacchino Belli

9

L’agnello infurbito

Un lupo che beveva in un ruscello
vidde, dall’ antra parte de la riva,
l’ immancabbile Agnello.
-Perché nun venghi qui? – je chiese er Lupo –
L’acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
e un porco ce fa spesso er semicupio.
Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
er ruscelletto è limpido e pulito… –
L’ Agnello disse: – Accetterò l’ invito
quanno avrò sete e tu nun avrai fame.

5

La Campana de la chiesa

Che sôno a fa’? – diceva una Campana.
– Da un po’ de tempo in qua, c’è tanta gente
che invece d’entrà drento s’allontana.
Anticamente, appena davo un tocco
la Chiesa era già piena;
ma adesso ho voja a fa’ la canoffiena
pe’ chiamà li cristiani cór patocco!
Se l’omo che me sente nun me crede
che diavolo dirà Dommineddio?
Dirà ch’er sôno mio
nun è più bono a risvejà la fede.
– No, la raggione te la spiego io:
– je disse un Angeletto
che stava in pizzo ar tetto –
nun dipenne da te che nun sei bona,
ma dipenne dall’anima cristiana
che nun se fida più de la Campana
perché conosce quello che la sona.

3

L’ingiustizzie der monno

Quanno che senti di’ “cleptomania”
è segno ch’è un signore ch’ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe’ lui nun c’è nessuna malatia
che j’impedisca d’esse condannato!

Iustitia et Pax osculatae sunt 4

Chiaroscuro

Giustizzia, Fratellanza, Libbertà…
Quanta gente ridice ‘ste parole!
Ma chi le vede chiare? Iddio lo sa!
Er Gallo canta quanno spunta er sole,
er Gufo canta ne l’oscurità.

Trilussa, 1944

Allegoria dell'immortalità 3

La ricetta maggica

Rinchiuso in un castello medievale,
er vecchio frate co’ l’occhiali d’oro
spremeva da le glandole d’un toro
la forza de lo spirito vitale
per poi mischiallo, e qui stava er segreto,
in un decotto d’arnica e d’aceto.

0

Er teppista

Credi ch’io sia monarchico? Pe’ gnente:
che me ne frega? E manco socialista!
Repubbricano? Affatto! Io so’ teppista
e, pe’ de più, teppista intransiggente!

6

La settimana der lavoratore

Er lunedì piantassimo(1) er servizzio
perché ce venne l’ordine da fôri,
er martedì sospesi li lavori,
er mercordì fu chiuso l’esercizzio.

Giovedì scioperai co’ li sartori
perché mi’ moje sta ner sodalizzio,
e venerdì che fecero er comizzio
fui solidale co’ li scopatori.

Sabbato s’aspettò la decisione
con una bicchierata socialista
a li compagni de la Commissione;

e intanto fu firmata una protesta
contro la borghesia capitalista
che ce fa lavorà puro la festa!

Trilussa

0

Lo sciopero

Fu er presidente de la Lega mia,
ch’era avvocato de li scioperanti,
fu propio lui che disse: — Avanti! Avanti!
Scendemo in piazza! Evviva l’anarchia! —

A ‘ste parole qui, per quanto sia,
ce s’infocò la testa a tutti quanti:
ma sur più bello ce sbucò davanti
uno squadrone de cavalleria.

Se la sommossa rivoluzzionaria
quer giorno nun pijò ‘na brutta piega
fu per via che sparaveno per aria;

ma per un pelo un córpo de moschetto
ciammazza er presidente de la Lega
che s’era riparato in cima a un tetto!

Trilussa

17

All’anno novo

Anno che nasci: si voi avecce un vanto,
nun ce devi portà dolori e pene
devi portà soltanto
un’epoca de bene,
un’epoca de pace,
e soprattutto devi fa capace
‘sta pora umanità scema e traviata
d’apprezzà quanto ar monno c’è de bello
quanto ar monno ce stà p’esse felice.
Tant’omini de quelli cor cervello,
de quelli che se dice
che so geni, non hanno che inventato
cannoni, bombe atomiche, li gasse
e tant’altri ingredienti p’ammazzasse,
cosa che te dimostra, e fa vergogna,
che l’omo more si nun cerca rogna.
‘Sto poro mezzo secolo passato
è stato insanguinato!
Speramo armeno che da tante pene
ne scaturisca un bene!
Speramo che la gente
se scordi ogni rancore
e se possa convince finarmente
che la felicità sta nell’amore.
Volesse bene… E’ questa la ricetta
che nun se sbaia mai,
che fa trovà la via benedetta,
che sa fa superà tutti li guai.
Caro anno novo mio si ce sai fa
fallo entrà in testa tu all’umanità.
Se riuscirai a fa questo
diremo che sei stato un anno onesto,
un anno senza pene e senza guai…
e quanno moriarai
noi resteremo co’ la bocca amara
come chi perde ‘ma persona cara.

Checco Durante