Poesie Archivio - Pagina 7 di 20 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

182

Li carciofoli a’ la giudìa

Li carciofoli a’ la giudìa

Quattro carciofoletti a’ la giudia
fritti dorati, bionni, scrocchiarelli
so’ stati sempre la passione mia,
cento vorte più mejo de cervelli.

Io benedico Sare e Samuelli
ch’hanno inventato ‘sta ghiottoneria,
che’ so’ proprio ‘na vera sciccheria
pe’ chi vò rillegrasse li budelli.

E me ne faccio certe padellate
da fa’ paura; e poi piano pianino
me li sciroppo come un padre abbate.

Quanno a’ la fine, poi, me sento sazzio,
ce manno sopra un ber bicchiere d vino,
‘na fumata… e Signore t’aringrazzio!

di Spinola Antonio (1882 – 1952)

1

Er venditore de pianeti

Er venditore de pianeti
Trilussa
È un poverello co’ la barba bianca,
che va con una manica in saccoccia
pe’ fa’ distingue er braccio che je manca.
Gira con una scatola e una boccia
dove c’è drento un diavolo de vetro
co’ du’ cornette in cima a la capoccia.
Succede che la gente
passa senza fa’ caso ar poverello,
ma, a vede er giocarello, torna addietro,
se ferma, s’avvicina, s’ariduna,
e tenta la fortuna……….

1

Io e Voi

Sì, fra me e voi ce corre un gran divario
come er giorno e la notte, tale e quale,
perché ciavemo tutto disuguale
e la pensamo sempre a l’incontrario.

Voi marciate in carrozza padronale
e ogni giorno cambiate de vestiario;
io, invece, che ciò giusto er necessario,
vado a pedagna e vesto sempre eguale.

Voi sete bionna bionna, io moro moro,
voi sete bianca bianca, io nero nero,
voi campate de rendita, io lavoro;

quer che ciò io nun ce l’avete voi…
Se l’estremi se toccheno davero
perché nun se toccamo puro noi?

Trilussa

4

Er trasporto funebre

Sicuro, fu cusì. Lui ritornava
Dar facocchietto dove sta a garzone;
Quanno stiede davanti a la Stazione,
Vedde un legno scoperto che scappava.

Para!… Para!… Gnisuno lo parava.
C’erano drento cinque o sei persone,
Lui agnede pe’ fermallo; ma er timone
Punf! je sbatté in petto… E ce restava.

E mo je fanno l’accompagnamento.
Senti la banda? Quante Società!…
Guarda che carro!… Pare un monumento!

Madonna! quanta gente… Che sfilata!…
Annamo pure noi. — Poco me va. —
E annamo che sentimo ‘na sonata.

Cesare Pascarella

5

Er cortello

Ar mio, sopra la lama ch’è rintorta
C’è stampata ‘na lettra cór un fiore;
Me lo diede Ninetta che m’è morta
Quanno che me ce méssi a fa’ l’amore.

E quanno la baciai la prima vorta,
Me disse: — Si m’avrai da da’ er dolore
De dimme che de me nun te n’importa,
Prima de dillo sfonnemece er core. —

E da quer dì che j’arde el lanternino
Davanti a la crocetta ar camposanto
Lo porto addosso come un abitino.

E si la festa vado a fa’ bisboccia,
Si be’ che ci abbi tanti amichi accanto,
Er mejo amico mio ce l’ho in saccoccia.

2

Chi sarà stato?

Ho letto cento libri de cucina.
de storia, d’arte, e nun ce nè uno solo
che citi co’ la Pasta er Pastarolo
che unì pe’ primo l’acqua e la farina.

Credevo fosse una creazione latina,
invece poi, m’ha detto l’orzarolo,
che l’ha portata a Roma Marco Polo
un giorno che tornava dalla Cina.

Pe’ me st’affare de la Cina è strano,
chissà se fu inventata da un cinese
o la venneva là un napoletano.

Sapessimo chi è, sia pure tardi,
bisognerebbe faje… a ‘gni paese
più monumenti a lui che a Garibardi.

Aldo Fabrizi

4

Pio Ottavo

Che ffior de Papa creeno! Accidenti!
Co rrispetto de lui pare er Cacamme.

Bbella galanteria da tate e mmamme
pe ffà bbobo a li fijji impertinenti!

Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti,
è gguercio, je strascineno le gamme,
spènnola da una parte, e bbuggiaramme
si arriva a ffà la pacchia a li parenti.

Guarda llí cche ffigura da vienicce
a ffà da Crist’in terra! Cazzo matto
imbottito de carne de sarcicce!

Disse bbene la serva de l’Orefisce
quanno lo vedde in chiesa: «Uhm! cianno fatto
un gran brutto strucchione de Pontefisce».

Giuseppe Gioachino Belli, 1° aprile 1829

0

A Villa Medici

Te l’aricordi più le passeggiate
in queli vicoletti de verdura,
in quele grotticelle sprofumate
che pareveno fatte su misura
pe’ fa’ passà le coppie innammorate?

Te l’aricordi più. ciumaca bella,
la testa de quer satiro che stava
anniscosta framezzo a la mortella,
che rideva e faceva capoccella
pe’ minchionà la gente che passava?

[…] Continua a leggere…

12

La dieta

Doppo che ho rinnegato Pasta e pane,
so’ dieci giorni che nun calo, eppure
resisto, soffro e seguito le cure…
me pare un anno e so’ du’ settimane.

Nemmanco dormo più, le notti sane,
pe’ damme er conciabbocca a le torture,
le passo a immaginà le svojature
co’ la lingua de fòra come un cane.

Ma vale poi la pena de soffrì
lontano da ‘na tavola e ‘na sedia
pensanno che se deve da morì?

Nun è pe’ fà er fanatico romano;
però de fronte a ‘sto campà d’inedia,
mejo morì co’ la forchetta in mano!

Aldo Fabrizi

8

Questione de razza

-Che cane buffo! E dove l’ hai trovato? –
Er vecchio me rispose: -é brutto assai,
ma nun me lascia mai: s’ é affezzionato.
L’ unica compagnia che m’ é rimasta,
fra tanti amichi, é ‘ sto lupetto nero:
nun é de razza, é vero,
ma m’ é fedele e basta.
Io nun faccio questioni de colore:
l’ azzioni bone e belle
vengheno su dar core
sotto qualunque pelle.

Trilussa