Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 25 di 39 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

3

Gabriella

La voce tua è ‘n incanto
Che lascia senza fiato
Spezzata come ‘r pianto
De ‘n còre appena nato

La voce tua me sfiora
Me porta fòri porta
E Roma se ‘nnamora
Come fosse ‘a prima vorta

La voce tua romana
È ‘n brivido che ariva
Ner fondo se rintana
E bacia questa riva…

17

Pasta alla capricciosella

Provate a fà ‘sto sugo ch’è un poema:
piselli freschi, oppure surgelati,
calamaretti, funghi «cortivati»,
così magnate senz’avè patema.

Pe fà li calamari c’è un sistema:
se mettono a pezzetti martajati
nell’ ajo e l’ojo e bene rosolati,
so’ teneri che pareno ‘na crema

Appresso svaporate un po’ de vino:
poi pommidoro, funghi e pisellini
insaporiti cor peperoncino.

Formaggio gniente, a la maniera antica,
fatece bavettine o spaghettini…
Bon appetito e Dio ve benedica!

4

Lo scialletto

LO SCIALLETTO
Trilussa

Cor venticello che scartoccia l’arberi
entra una foja in cammera da letto.
È l’inverno che ariva e, come ar solito,
quanno passa de qua, lascia un bijetto.
Jole, infatti, me dice: – Stammatina
me vojo mette quarche cosa addosso;
nun hai sentito ch’aria frizzantina? –
E cava fôri lo scialletto rosso,
che sta riposto fra la naftalina.

2

Carnevale romano

Del romano patriziato
gentiluomo popolar
per le vie sono ammirato
dalla folla al mio passar!

Dicon tutti che son strano…
sento molti a mormorar…
sol il buon popolo romano
mi vuol bene e lascia far!

Spesse volte la mia mente
burle atroci sa trovar…
sol pero’ per quella gente
che e’ un dover il castigar!

Se i costumi son corrotti
so la satira adoperar
che alla volta a bestie e a dotti
puo’ la schiena raddrizzar!

7

J.W. Goethe – Viaggio in Italia: Il Carnevale – I Moccoli

Il martedì grasso si era soliti concludere il carnevale con la battaglia dei moccoletti. Ciascuno si muniva di un moccolo, ovvero di una candela accesa racchiusa in un paralume di carta, e cercava di spegnere quello di chi gli stava vicino. Guai a farsi spegnere il moccolo: si sarebbe stati alla mercé di ingiurie di ogni tipo a cui però non si sarebbe potuto replicare.
Goethe ci descrive così questa usanza:

3

Lo Smemorato

Che voi che ce stia drento ar cervello
d’un omo che se scorda d’esse lui,
che nun conosce più l’amichi sui,
nè socera, nè moje, nè fratello.

E tutti ‘sti scienziati de cartello
ch’hanno capito? Cavoli! per cui,
che je fa’ de sapè se è questo o quello?

3

La Guera

Poesia di Checco Durante: La Guera

Senti, sarò ignorante, nun contesto,
ma, scuseme, viè qua, famme capace,
seconno te la guera cià er pretesto
che s’ha da fa p’assicurà la pace.
Insomma pe’ sta in pace su la tera
nun c’è che un modo: s’ha da fa la guera.

1

La creazzione der monno

« La creazzione der monno

L’anno che Gesucristo impastò er monno,
Ché pe impastallo già c’era la pasta,
Verde lo vorze fà, grosso e ritonno,
All’uso d’un cocommero de tasta.

Fece un zole, una luna e un mappamonno,
Ma de le stelle poi dì una catasta:
Su ucelli, bestie immezzo, e pesci in fonno:
Piantò le piante, e doppo disse: “Abbasta”.

Me scordavo de dì che creò l’omo,
E coll’omo la donna, Adamo e Eva;
E je proibbì de nun toccaje un pomo.

Ma appena che a maggnà l’ebbe viduti,
Strillò per dio con quanta voce aveva:
“Ommini da vienì, sete futtuti” »

(Giuseppe Gioacchino Belli, sonetto n. 165, La creazzione der monno)

1

Li debbiti

Se seguita così, so’ rovinato!
Ora viè l’esattore cor bijetto,
ora arriva un uscere cor precetto
pe’ quarche conto che nun ho pagato.

Oggi, appena so’ uscito, ho rincontrato
er solito strozzino che m’ha detto:
“Se nun pagate subito l’effetto
darò l’incartamento a l’avvocato…”

Sempre una storia! E nun te dico er resto!
Ogni giorno un avviso de cambiale,
ogni giorno un avviso de protesto.

Banca d’Italia…Banca Commerciale…
Ma come! in un momento come questo?
Dove sta la concordia nazzionale?

12

La benedizione degli animali

LA BENEDIZIONE DEGLI ANIMALI
Il 17 gennaio davanti alla chiesa di Sant’Antonio Abate, in Via Carlo Alberto, proprio vicino alla Basilica di Santa Maria Maggiore, si svolgeva una festa molto particolare: la benedizione degli animali. In un mondo in cui fortissimo era il legame tra uomini e animali, in cui dal benessere di questi ultimi dipendeva anche la prosperità o meno di intere famiglie, non deve certo sorprendere che ci fosse un giorno dedicato proprio alla benedizione di tutti gli animali. “Porci, somari, pecore, cavalli […] pieni di fiocchi bbianchi e rrossi e gialli”, secondo la descrizione che ce ne da il Belli, si confondevano con lussuose carrozze di principi e cardinali, trainate da cavalli sontuosamente agghindati. Una gran festa di uomini e animali insomma, come testimoniano i dipinti ispirati a questo evento