Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 15 di 35 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

11

La società de’ li magnaccioni

Canto popolare di fine ottocento

Fatece largo che passamo noi,
Li giovanotti de ‘sta Roma bella.
Semo ragazzi fatti cor pennello,
E le ragazze famo innamorà.
E le ragazze famo innamorà.

Ma che ce frega, ma che ce ‘mporta,
Se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua:
E noi je dimo, e noi je famo,
“C’hai messo l’acqua, e nun te pagamo!” ma però,
Noi semo quelli, che j’arisponnemo ‘n’coro:
“È mejo er vino de li Castelli
Che questa zozza società”.

[…] Continua a leggere…

10

S.P.Q.R.

Quell’esse, pe, cu, erre, inarberate
Sur portone de guasi oggni palazzo,
Quelle sò quattro lettere der cazzo,
Che nun vonno dì gnente, compitate.
M’aricordo però che da ragazzo,
Quanno leggevo a fforza de fustate,
Me le trovavo, sempre appiccicate
Drent’in dell’abbeccé ttutte in un mazzo.
Un giorno arfine me te venne l’estro
De dimannanne un po’ la spiegazzione
A don Furgenzio ch’era er mi’ maestro.
Ecco che m’arispose don Furgenzio:
“Ste lettre vonno dì, sor zomarone,
Soli preti qui reggneno: e ssilenzio”.

Gioacchino Belli

9

L’agnello infurbito

Un lupo che beveva in un ruscello
vidde, dall’ antra parte de la riva,
l’ immancabbile Agnello.
-Perché nun venghi qui? – je chiese er Lupo –
L’acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
e un porco ce fa spesso er semicupio.
Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
er ruscelletto è limpido e pulito… –
L’ Agnello disse: – Accetterò l’ invito
quanno avrò sete e tu nun avrai fame.

5

La Campana de la chiesa

Che sôno a fa’? – diceva una Campana.
– Da un po’ de tempo in qua, c’è tanta gente
che invece d’entrà drento s’allontana.
Anticamente, appena davo un tocco
la Chiesa era già piena;
ma adesso ho voja a fa’ la canoffiena
pe’ chiamà li cristiani cór patocco!
Se l’omo che me sente nun me crede
che diavolo dirà Dommineddio?
Dirà ch’er sôno mio
nun è più bono a risvejà la fede.
– No, la raggione te la spiego io:
– je disse un Angeletto
che stava in pizzo ar tetto –
nun dipenne da te che nun sei bona,
ma dipenne dall’anima cristiana
che nun se fida più de la Campana
perché conosce quello che la sona.

13

Fontane di Roma: La fontana di Piazza dell’Aracoeli

Fontana di Piazza del’Aracoeli: Fu realizzata nel 1589 da Andrea Brasca, Pietro Gucci e Pace Naldini, su progetto di Giacomo Della Porta e su commissione di Papa Sisto V. E’ costituita da un bacino di marmo, a pianta ovale e ornato da quattro mascheroni, che poggia su tre gradini circondati da una piscina di raccolta delle acque. Al centro della vasca si trova un blocco cubico di marmo con mascheroni e decori che sorregge un calice su cui poggia un catino, al centro del quale quattro putti sorridenti sorreggono con le spalle tre monti gentilizi e versano getti d’Acqua Felice, dalle rispettive anfore che sostengono con le mani. I putti furono un’aggiunta successiva, opera dell’intervento di Alessandro VII alla metà del 1600; altri interventi si ebbero sotto Papa Clemente XI nei primi del 1700 e la piscina di raccolta delle acque fu realizzata nel 1860.

3

L’ingiustizzie der monno

Quanno che senti di’ “cleptomania”
è segno ch’è un signore ch’ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe’ lui nun c’è nessuna malatia
che j’impedisca d’esse condannato!

0

11 novembre

Li undici de novembre, guasi tutti li cornuti contenti
de Roma, se trovàveno le porte de la casa de loro
infiorate de mortella, de fiori, de nastri, de corna,
de sonetti, e dde ‘réna ggialla sparsa per tera.

‘Sto regalo je lo faceva in de la nottata quarche
amico aifìfezzionato, che si ppoi er cornuto lo vieniva
a scropi’, spesso spesso ce scappava l’ammazzato.

Come saperete tutti. San Martino è er protettore
de li sordati e dde li cornuti.

De li sordati, perchè ppuro quer santo è stato sor-
dato ; de li cornuti poi nun ve lo so a ddì’ : armeno
che anche lui nun ciavessi avuto moje !

Giggi Zanazzo

16

Storie di Roma

Si racconta che a Roma ci fosse una donna molto litigiosa e attaccabrighe. Quando le donne si ritrovavano a lavare i panni al fiume lei non perdeva occasione per litigare con le sue vicine, per qualsiasi motivo, ed era quindi diventata famosa per le sue invettive.
Ma era sicuramente anche molto famoso il suo modo di scaricare la rabbia: dopo aver tanto litigato era solita recarsi sotto un’immagine di una Madonnina, posta in un’edicola vicino casa sua. Fattosi il segno della croce con tutta la devozione possibile, cominciava ad intonare questa litania indirizzata alla persona con la quale aveva litigato:

Iustitia et Pax osculatae sunt 4

Chiaroscuro

Giustizzia, Fratellanza, Libbertà…
Quanta gente ridice ‘ste parole!
Ma chi le vede chiare? Iddio lo sa!
Er Gallo canta quanno spunta er sole,
er Gufo canta ne l’oscurità.

Trilussa, 1944

Allegoria dell'immortalità 3

La ricetta maggica

Rinchiuso in un castello medievale,
er vecchio frate co’ l’occhiali d’oro
spremeva da le glandole d’un toro
la forza de lo spirito vitale
per poi mischiallo, e qui stava er segreto,
in un decotto d’arnica e d’aceto.