Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 15 di 33 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

4

La sincerità ne li comizzi

Er deputato, a dilla fra de noi,
ar comizzio ciagnede(1) contro voja,
tanto ch’a me me disse: — Oh Dio che noja! —
Me lo disse, è verissimo: ma poi

sai come principiò? Dice: — È con gioja
che vengo, o cittadini, in mezzo a voi
per onorà li martiri e l’eroi,
vittime der Pontefice e der boja! —

E, lì, rimise fòra l’ideali,
li schiavi, li tiranni, le catene,
li re, li preti, l’anticlericali…

Eppoi parlò de li principî sui:
e allora pianse: pianse così bene
che quasi ce rideva puro lui!

Trilussa, 1920

3

L’aquila romana

L’antra matina l’Aquila romana,
che ce ricorda, chiusa ne la gabbia(1),
le vittorie d’un’epoca lontana,
disse a la Lupa: — Scusa,
ma a te nun te fa rabbia
de sta’ sempre rinchiusa?
Io, francamente, nu’ ne posso più!
Quanno volavo io! Vedevo er monno!
M’avvicinavo ar sole! Invece, adesso,
così incastrata(2) come m’hanno messo,
che voi che veda? l’ossa de tu’ nonno(3)?
Quanno provo a volà trovo un intoppo,
più su d’un metro nun arivo mai… —
La Lupa disse: — È un volo basso assai,
ma pe’ l’idee moderne è puro troppo!
È mejo che t’accucci e stai tranquilla:
nun c’è che l’animale forastiere
che viè trattato come un cavajere
e se gode la pacchia(4) d’una villa!
L’urtimo Pappagallo de la Mecca,
appena ariva qua, se mette in mostra,
arza le penne(5) e dice: Roma nostra…
E quer che trova becca(6).
Viva dunque la Scimmia der Brasile!
Viva la Sorca isterica
che ariva da l’America!
Noj antri? Semo bestie da cortile.
Pur’io, va’ là, ciò fatto un ber guadagno
a fa’ da balia a Romolo! Accicoria(7)!
Se avessi da rifà la stessa storia
invece d’allattallo me lo magno!

Trilussa

0

Er teppista a la dimostrazzione

Li sassi che volaveno per aria
cascaveno de peso tra le file
de li sordati, verdi pe’ la bile
de conservà la carma necessaria.

Come vôi che sparassero? Er fucile
che mira su la crasse proletaria
è un’infamia, un sopruso, una barbaria
che fa vergogna a un popolo civile!

E pe’ questo tiravo! A un polizzotto
je detti un sércio in testa e je strillai:
— Impunito! Bojaccia! Galeotto! —

Era precisamente er brigadiere
che m’arestò quer giorno sur tranvai
perché fregai l’orloggio a un forastiere.

Trilussa

5

Una fettina de Roma

Quello è Ssant’Antonin de Portoghesi.
Sta strada larga è la Scrofa, miledi;
Che vva a Rripetta e ar Popolo, e da piedi
Termina a Ssan Luviggi de Francesi.

Ecchesce a la Stelletta; e cqui, llei vedi,
Trova leggni pe tutti li paesi.
Qua ss’entra a Ccampo-Marzo. E ll’antri mesi?
L’antri mesi er Ziggnore li provedi.

Quell’è er Teatro Palaccorda; e cquelli
Che stanno un po’ ppiù ggiù, ssò ddu’ palazzi,
Chiamati de Negroni e de Cardelli.

Ecco er Palazzo de Fiorenza; e infatti
Ce sta er Cònzole; e llà er Palazzo Pazzi,
Dove una vorta sc’ereno li matti.

Giuseppe Gioacchino Belli

18

Li soprani der monno vecchio

C’era una vorta un Re che dar palazzo
mannò fora a li popoli st’editto:
“ Io sò io, e voi nun zete un cazzo,
sori vassalli buggiaroni, e zitto.

Io fo dritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve a tutti a un tant’er mazzo:
io, si ve fo impiccà, nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

9

Il pianto della scavatrice

[…]Stupenda e misera città,
che m’hai insegnato ciò che allegri e feroci
gli uomini imparano bambini,

le piccole cose in cui la grandezza
della vita in pace si scopre, come
andare duri e pronti nella ressa

delle strade, rivolgersi a un altro uomo
senza tremare, non vergognarsi
di guardare il denaro contato

con pigre dita dal fattorino
che suda contro le facciate in corsa
in un colore eterno d’estate;

7

La cecala d’oggi

Una Cecala,che pijava er fresco
all’ombra der grispigno e de l’ortica,
pe’ da’la cojonella a ‘na Formica
cantò ‘sto ritornello romanesco:
– Fiore de pane,
io me la godo, canto e sto benone,
e invece tu fatichi come un cane.
– Eh!da qui ar bel vedé ce corre poco:

0

Alessandro Verri

Le estreme delizie quanto più si sentono con l’animo tanto meno si possono esprimere con le parole. Mi conviene perciò trapassare in silenzio quelle che m’inondarono il petto nei primi giorni, veggendo il sacro Tevere, gli egiziani obelischi, l’Anfiteatro Flavio il quale giace come gigante sbranato, e le colonne che descrivono le costumanze della milizia, e gli archi trionfali, e lo spazio del Foro, e le ruine maestose dei Circhi e delle Terme e quanti avanzi della romana splendidezza empiono l’anima di soave meraviglia.