Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 30 di 35 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

0

La Terza Roma

La terza Roma nun s’intenne mica
che da Romolo in qua ce so’ tre Rome:
naturalmente je se dà sto nome
pe’ potella distingue dall’antica.

De Roma Nostra, Dio la benedica,
nun ce n’è che una sola: ma siccome
fu impastata, je successe come
succede co’ la crosta e la mollica.

0

Via dell’Orso

Legata a un filo, arta
sopra a li tetti – e come arubba un’accia
ar gnommero, più arta –
una stella de carta
empie er celo de Ponte.
Ho corso via de Monte
Brianzo – uno sperduto su la traccia
d’un filo teso – ho corso
vicolo der Leùto
e sbocco finarmente a via dell’Orso.

7

L’Automobile e er somaro

Rottadecollo! – disse un somarello
ner vedè un Automobbile a benzina –
Indove passi tu nasce un macello!
Hai sbudellato un cane, una gallina,
un porco, un’oca, un pollo….
Povere bestie! Che carneficina!
Che fragello che fai! Rottadecollo!
Nun fiottà tanto, faccia d’impunito!

21

Antichi mestieri: il Carnacciaro

ANTICHI MESTIERI: IL CARNACCIARO
Tra gli antichi mestieri che esistevano, e che ora sono scomparsi, c’era il carnacciaro, o anche detto carnicciaro o carnecciaro, ovvero il venditore ambulante di carne per gatti.
La carnaccia altro non era che scarti di macelleria costituiti da polmoni, trippa e interiora, lessati e tagliuzzati che veniva venduta ai padroni dei gatti di casa o a chi si preoccupava di sfamare i gatti randagi
Il Carnacciaro passava per le vie della città nelle prime ore della mattina, portando in equilibrio sulla spalla un bastone ricurvo su cui ciondolava la mercanzia. Non aveva certo bisogno di essere annunciato: bastava un semplice fischio, che i romani chiamavano “sordino”, e i gatti e i cani, già di vedetta, accorrevano abbaiando e miagolando e avvisando quindi il padrone dell’arrivo del venditore. Un pezzo di carne costava un bajocco.
Il Carnacciaro vendeva anche gatti, che teneva in una speciale borsa a tracolla. I gatti erano molto richiesti nelle case per tener lontano i topi dalle dispense e per il carnacciaro non era certo difficile catturare i gatti che si avvicinavano per l’odore della sua carne.
Alcuni cronisti ricordano che questa attività venne svolta fino al 1944.
Oggi il carnacciaro è stato sostituito dalle gattare che si occupano delle numerose colonie feline della città di Roma

0

Cuppole

La cuppola è un pallone
ancorato sur tetto.
Chi è che l’ha gonfiato? L’architetto,
e lo fa seccardino o buraccione
secondo er fiato che se trova in petto.
Abbotta le ganasse Boromini:
soffia, e sorteno tanti cuppolini;
ce mette, drento, un’ala de pormone
Micchelangiolo, e nasce er Cuppolone

0

La creazione

Dio disse: « Mò che ho fatto Cielo e Tera,
domani attacco Luce e Firmamento,
mercoledì fò er mare, doppo invento
farfalle e fiori pe’ la Primavera.

Pe’ giovedì fò er Sole, verso sera
fò li Pianeti, er Fòco, l’Acqua, er Vento,
così se venerdì nun vado lento,
faccio sabbato ingrese e bònasera! »

0

Villa Borghese – Antonio Baldini

38 all’ombra! La cortese immaginazione trova modo di ristorarsi pensando a Villa Borghese.
L’ombra e la frescura di quei boschetti e viali, lo sprazzo di quelle fontane e degli innaffiatoi, gli archi di verdura che imbrunano i marmi dei tempietti e dei monumenti, mi stanno così fitti nella memoria e nel desiderio che s’io fossi pittore troverei molto sollievo a ridipingerli così come l’immaginativa me li suggerisce. […]

0

Chitarra Romana

Sotto un manto di stelle
Roma bella mi appare
solitario il mio cuor
disilluso d’amor
va nell’ombra a cantar
una muta fontana una stella lassù
o chitarra romana
accompagnami tu.
Suona suona mia chitarra
accompagnami in sordina
la mia bella fornarina
al balcone non c’e’ piu’…

0

La Dipromazzia

Naturarmente, la Dipromazzia
è una cosa che serve a la nazzione
p è conservà le bone relazione,
co’ quarche imbrojo e quarche furberia.

Se dice dipromatico p è via
che frega co’ ‘na certa educazzione,
cercanno de nasconne l’opinione
dietro un giochetto de fisionomia.