Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 30 di 38 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

6

Le ferovie

Le Ferovie appartengheno a lo Stato
È bello assai er servizio che te fanno!
Si monti drento ar treno, dopp’un anno
Si nun mori acciaccato, sei arivato.
Si voi fà quarche viaggetto
E pià te voi er diretto,
Poco ce manca
Che arivi vecchi e co’ la barba bianca.
Poco ce manca
Che arivi vecchio e co’ la barba bianca.

Sor Capanna, Stornelli Romani

5

Sor Capanna

Ogni buon romano, o naturalizzato romano, o esperto di Roma e di certa sua vita […] sa di chi parlo, e sa chi sia questo menestrello dalla pancetta abbondante e dagli occhiali notturni. […] Chi non conosce, a Roma, il sor Capanna? Egli è, ormai, un istituto fondamentale, una figura rappresentativa

21

Mastro Titta, il boia di Roma

Esordii nella mia carriera di giustiziere di Sua Santità, impiccando e squartando a Foligno Nicola Gentilucci, un giovinotto che, tratto dalla gelosia, aveva ucciso prima un prete e il suo cocchiere, poi, costretto a buttarsi alla macchia, grassato due frati. Giunto a Foligno incominciai a conoscere le prime difficoltà del mestiere: non trovai alcuno che volesse vendermi il legname necessario per rizzare la forca e dovetti andar la notte a sfondare la porta d’un magazzino per provvedermelo.

4

Inno a Roma

Roma divina, a te sul Campidoglio,
dove eterno verdeggia il sacro alloro,
a te, nostra fortezza e nostro orgoglio,
ascende il coro.
Salve Dea Roma! Ti sfavilla in fronte
il Sol che nasce sulla nuova storia;
fulgida in arme, all’ultimo orizzonte
sta la Vittoria.

0

Giuseppe Gioachino Belli – Lasciare un monumento

Io ho deliberato di lasciare un monumento di quello che oggi è la plebe di Roma. In lei sta certo un tipo di originalità: e la sua lingua, i suoi concetti, l’indole, il costume, gli usi, le pratiche, i lumi, la credenza, i pregiudizi, le superstizioni, tutto ciò insomma che la riguarda, ritiene un’impronta che assai per avventura si distingue da qualunque altro carattere di popolo. Né Roma è tale, che la plebe di lei non faccia parte di un gran tutto, di una città cioè di sempre solenne ricordanza.

0

L’indovina de le carte

– Pe’ fà le carte quanto t’ho da dà?
— Cinque lire. — Ecco qui; bada però
che m’hai da dì la pura verità…
— Nun dubbitate che ve la dirò.

Voi ciavete un amico che ve vò
imbrojà ne l’affari. — Nun po’ stà
perché l’affari adesso nu’ li fo.
— Vostra moje v’inganna. — Ma va’ là!

3

La televisione

“La televisione è un apparecchio che ha trasformato la cerchia familiare in un semicerchio.”

4

Io, gatto

Una crosta de rogna
e uno stormo de purce in mezzo ar pelo:
nessuno me s’accosta.
Sia a galla all’erba, sia
sdraiato sur serciato,
m’imbriaco de sole.
A tempo perso dormo
e in sogno, verso a verso,
sgnàvolo una poesia

5

Core de mamma

S’anninna quanno è sera er pupo bello
e mamma se lo strigne sopra ar core
je brilla drento l’occhi tanto amore
come na fiamma de felicità
ce sta la vita sua in quell’antra vita
che già conosce mamma e vo’ parlà

Su dormi tranquillo boccuccia de rosa
che mamma è la cosa piu’ santa che c’e’
dorcezza de mamma passione der core
sei gioia e dolore sei tutto pe’ mme

2

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Monticiano

So’ mmonticiano, so’, ssangue de ddìo!
sò’ nnato pè’ li Monti e mme n’avanto;
e cquanno dico a uno: alò bber fio;
ha dda fà’ mmosca e ttéla com’un santo.

Sò’ mmarano, lo sò; ma er pórso mio,
nun c’è gnisun massiccio dé cqui accanto,
(nun dico bbôno), ma cche ssii da tanto,
de fàmmeje accusì, si nun voj’io.