Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 30 di 37 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

0

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Tresteverino

Io, frater caro, sò’ ttresteverino;
e ttutto mé pòi dì’ ffôrché ppidocchio;
quanno facevo er carettiere a vvino,
l’orloggio solo me costava ‘n occhio:

marciavo che pparevo un signorino!
carzoni córti insinent’ar ginocchio,
ggiacchetta de velluto sopraffino,
fibbie d’argento e scarpe co’ lo scrocchio:

0

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Borghiciano

So’ bborghiciano, so’: nun ero nato
che bbazzicavo ggià ddrento Palazzo:
mi’ padre me ce messe da regazzo
e, ggrazziaddio, ciò ssempre lavorato.

Pe’ ffatigà, fratello, ho ffatigato;
da fanello ero sverto com’u’ razzo;
ma da un ber pezzo in qua nu’ mme strapazzo;
perchè sso’ vvecchio e mm’hanno ggiubbilato.

0

La nova lavula parlamentare

Ita per aria la Banca Romana,
visto che tutto er ciancico feniva,
ecchete pronta l’avula ch’ariva
a consolà ‘sti granci de marana.

Eh! Si sti ciocchi pijeno l’abbriva,
so’ boni a fà svortà la tramontana
«In de l’avula vecchia si soffriva,
era giaccia, era carda, era marsana!»

4

Er ventre de vacca o pe’ capisse mejo er Parlamento

I.
Er deputato appena è deputato
pensa subbito a fasse un portafojo
e p’avello, ce sii qualunque scojo,
nu’ la pianta finché nu’ l’ha spuntato.

Si è un somaro, allora sta ingoffato
davanti a chi guverna e l’ogne d’ojo;
si è dotto je comincia a dà cordojo
finché nu’ l’ha sbattuto e aribbartato,

Tutti l’istessi so’, destri e sinistri;
er gioco sta ne’ ribbartà er guverno
p’annacce loro e diventà ministri.

Arivati a succhiasse quela manna,
siccome quella pacchia nun è eterna,
fanno; “Mo, panza mia, fatte capanna!”

0

L’arte der campà auffa

Nina, sai c’hai da fà? bbuttete addosso
presto-presto quer cencio de mantijja,
e vva’ a bbussà dda la sora Scescijja,
che inzin’a ggiuveddí mm’impresti un grosso.

Sí nun ce trovi lei, dillo a la fijja,
e cche ssei ita tu perch’io nun posso,
ché cciò un dolore cqui ddrent’in un osso
che mme fa spasimà cquanno me pijja.

0

Li quadrini sudati

A cchi avemo ggià dato er momoriale?
Ripassamo un po’ er conto, fijja mia.
A li Bbrevi, in Consurta, in Dataria,
ar Papa, ar cumputista cammerale,

a li Sussidî, in Limosinaria,
ar prelato che ffanno cardinale,
ar Vicario, a l’impresa, a ddon Pasquale
pe li spojji e cquell’antra Opera-pia…

7

La Torre della Scimmia

In Via dei Portoghesi 18, tra via dei Pianellari e Via dell’Orso, si trova Palazzo Scapucci, anche se è più noto, forse, come il Palazzo della Scimmia, o Torre della Scimmia.
Come lo vediamo ora il palazzo è il risultato dei lavori di sistemazione della famiglia che ne ebbe la proprietà tra il 1500 e il 1600, la Famiglia Scapucci appunto. Caratteristica di questo palazzo è la torre medievale (anche se la forma attuale si deve a lavori quattrocenteschi) che è forse stata eretta originariamente dai Frangipane.

0

Come vié più bona?

E’ sempre bona, come sia, stufata,
a scappa e fugge, ar salto, abbrustolita,
ar naturale, semprice, farcita,
bollente, fredda, tiepida, gelata.

Ar dente, scotta, insipida, salata,
bastarda, inciafrujata, rotta, trita,
a la Francese, “molla e ribollita”
a la Svizzera, “languida e incollata”.

13

Borghetto Latino

IO RICORDO…

I miei nonni paterni abitavano in un casaletto a via della Caffarelletta, mio nonno era fattore del conte vaselli, e faceva coltivare tutte le terre a ridosso di via Latina fino a chissà dove verso la via appia antica e via della Caffarella.
Mia nonna, mi raccontava, era nata al Palatino, in una casa adesso museo, aveva un banco al mercato dell’alberone, proprio sotto il famoso albero, dove vendeva i prodotti dell’orto. (Un bellissimo ricordo condiviso. Grazie a Remia Marcello)

1

Nina si voi dormite

‘Nde ‘sta nottata piena de dorcezza
pare che nun esisteno dolori.
tira ‘n ber venticello ch’è ‘na carezza
smove le fronne e fa’ sboccià li fiori

Nina, si voi dormite,
sognate che io ve bacio,
ch’io v’addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
profumo de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde tra le fronne