Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 10 di 33 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

100

Cucina Romana – I Pezzetti

I pezzetti sono una caratteristica gastronomica della vecchia Roma. Si tratta di una semplice frittura con la pastella composta in maggior parte di piccoli pezzi di broccoli, cavolfiori, patate, zucca gialla, striscette di baccalà,...

5

Er gioco detto de lo “SCALINO„

È un giôco che, come la Passatella, se fa ccor vino.
Èccheve in che mmodo.
Se paga tanto peròmo tutt’er vino che ss’ordina: e sse metteno sur tavolino tanti bbicchieri, pe’
quanti so’ li ggiocatori.
’Sti bbicchieri se metteno in fila. Ar primo ce se mette una góccia de vino, ar siconno un filo, ar
quarto un déto, ar quinto un déto e mmezzo, e accusì vvia discurenno, infinènta ar bicchiere de
mezzo che ss’empie tutto, e a quelli che vvièngheno appresso se cala er vino a mmano a mmano,
in modo che fformino come ttante canne d’orgheno o scalini, apposta er giôco se chiama accusì.
Fatto questo, se fà la conta.
Ar giocatore che je va la conta, se bbeve er bicchiere de mezzo, e ll’antri, siconno l’ordine de la
conta, bbeveno appresso a llui a mmano a mmano.
In modo che cc’è cchi bbeve tanto, chi ccusì ccusì, cchi guasi gnente, e cchi gnente der tutto.

Giggi Zanazzo

34

Roma e i romani

Mai città al mondo ebbe più meravigliosa avventura. La sua storia è talmente grande da far sembrare piccolissimi anche i giganteschi delitti di cui è disseminata. Forse uno dei guai dell’Italia è proprio questo: di avere per capitale una città sproporzionata, come nome e passato, alla modestia di un popolo che, quando grida: «Forza Roma!», allude soltanto a una squadra di calcio.

Indro Montanelli

8

Andare a Roma

“Nel momento in cui si decide di andare a Roma, bisognerebbe stabilire di andare al museo un giorno sì e uno no: si abituerebbe l’anima a sentire la bellezza. ”

Stendhal

1

Taja ch’è rosso!

Piazza Colonna, e un celo paro paro
come un coperchio messo sur callaro.
Appena sente un soffio da ponente,
esce er cocommeraro;
e in fila, a fianco a fianco, sopra ar banco
tante lune scarlatte, a spicchi o tonne,
in un letto de fronne.
«Taja, ch’è rosso!». Piomba
er ganimede in bomba,
er greve e la minente:
lui in fongo e faraiolo,
lei in polacca e scioccaje cor pennente;
e in coda er pretazzolo.

[Continua…]

0

Castel Sant’Angiolo

Hanno voja le nuvole
a calà come farchi su Castello:
c’è l’Angiolo de guardia: un mulinello
a grugno duro in mezzo a la masnada,
e come vede azzuro
aripone ner fodero la spada.

Mario dell’Arco, 1946

5

Le edicole sacre: Via del Pellegrino

L’edicola di Via del Pellegrino, angolo Arco di Santa Margherita, è una delle edicole barocche più famose di Roma. Fu realizzata nel 1716, in stucco, da Francesco Moderati, scultore e stuccatore abbastanza famoso all’epoca,...

1

Core de Tigre

CORE DE TIGRE
Trilussa

‘Na Tigre der serajo de Nummava,
come vidde tra er pubbrico ‘na donna
che la guardava tanto, la guardava,
disse ar Leone: — S’io incontrassi quella
in mezzo d’un deserto, e avessi fame,
mica la magnerebbe: è troppo bella!
Io, invece, bona bona,
j’annerebbe vicino
come fa er cagnolino
quanno va a spasseggià co’ la padrona. —
La bella donna, intanto,
pensanno che cór manto
ce sarebbe venuto un ber tappeto,
disse ar marito che ciaveva accanto:
— Io me la magno a furia de guardalla:
che pelo! che colori! com’è bella!
Quanto me piacerebbe a scorticalla!

52

La Panzanella

LA PANZANELLA
Aldo Fabrizi

E che ce vo’
pe’ fa’ la Panzanella?

Nun è ch’er condimento sia un segreto,
oppure è stabbilito da un decreto,
però la qualità dev’esse quella.

In primise: acqua fresca de cannella,
in secondise: ojo d’uliveto,
e come terzo: quer di-vino aceto
che fa’ venì la febbre magnarella.

Pagnotta paesana un po’ intostata,
cotta all’antica,co’ la crosta scura,
bagnata fino a che nun s’è ammollata.

In più, per un boccone da signori,
abbasta rifinì la svojatura
co’ basilico, pepe e pommidori.