Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 35 di 37 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

0

Mal d’Amore

‘N’informazione stupida e curiosa
l’ho letta stammatina sur giornale;
e dice che l’amore è proprio un male
d’origgine maligna e misteriosa.

Er sintomo è ‘na fiacca generale,
che leva l’appetito d’ogni cosa,
e quanno che la panza è inoperosa,
viè l’urcera ar budello duodenale.

6

J.W. Goethe – Viaggio in Italia: il Carnevale – Le Maschere

LE MASCHERE
Ed ecco le maschere sempre più numerose. Giovinotti travestiti da donne del popolino, attillati in costumi di festa, col seno scoperto, audaci fino all’insolenza, sono di solito i primi a far la loro comparsa. Fanno carezze agli uomini in cui s’imbattono, trattano in confidenza e senza riguardi le donne come loro pari, si abbandonano insomma a ogni licenza, come loro suggerisce il capriccio, lo spirito o la volgarità.(….)

22

Il Carnevale Romano

“Il Carnevale di Roma non è precisamente una festa che si offre al popolo, ma una festa che il popolo offre a se stesso” (Goethe)
Con queste parole Goethe definisce la particolarità dei festeggiamenti del carnevale romano, che colpiva sempre molto profondamente tutti gli stranieri che assistevano a questi giorni di follia, anche da semplici spettatori, cogliendo appieno il carattere più speciale di questa festa caratterizzata da una fortissima partecipazione popolare. (continua)

3

La Lucciola

Una povera Lucciola, una notte,
pijò de petto a un Rospo in riva ar fiume
e cascò giù coll’ale mezze rotte.
Ar Rospo je ce presero le fòtte.
Dice: “Ma come? giri con un lume
eppoi nemmanco sai.
dove diavolo vai?”

La Lucciola rispose: “Scusa tanto,
ma la luce ch’io porto nu’ la vedo
perchè ce l’ho de dietro: e, in questo, credo
che c’è stato uno sbajo ne l’impianto.
Io dove passo illumino: però
se rischiaro la strada ch’ho già fatta
nun distinguo la strada che farò.

E nun te dico quanti inconvenienti
che me procura quela luce interna:
ogni vorta che accènno la lanterna
li Pipistrelli arroteno li denti….

“Capisco,” disse er Rospo “rappresenti
la Civirtà moderna
che per illuminà chi sta a l’oscuro
ogni tantino dà la testa ar muro”.

26 ottobre 1916
Trilussa

13

L’illuminazione di San Pietro

In occasione della festa di San Pietro e Paolo, il 29 giugno, la basilica di San Pietro diventava il teatro di uno spettacolo stupefacente: tutta la basilica si accendeva all’improvviso delle luci di migliaia di fiaccole e lanternoni, ad olio, sapientemente accesi da squadre di “sampietrini” che si calavano con un sistema di corde molto ingegnoso. L’ultima accensione manuale risale al 1937.

0

Per cui…

Er solleone abbrucia la campagna,
la Cecala rifrigge la canzone
e er Grillo scocciatore l’accompagna.
“E’ la solita lagna!”
dico fra me: ma poi
penso che pure noi,
chi più chi meno, semo tutti quanti
sonatori ambulanti.

17

Sacrilegio

Oggi se pranza in piedi in ogni sito;
er vecchio tavolino apparecchiato,
che pareva un artare consacrato
nun s’usa più: la prescia l’ha abolito.

‘Na vorta er pranzo somijava a un rito,
t’accommodavi placido e beato,
aprivi la sarvietta de bucato…
un grazie a Cristo e poi… bon appetito!

Mò nun c’è tempo de mettesse a sede,
la gente ha perso la cristianità
e magna senz’amore e senza fede.

E’ proprio un sacrilegio: invece io,
quanno me piazzo a sede pe’ magnà,
sento ch’esiste veramente Dio!

9

Magnà e dormì

Sò du vizzietti, me diceva nonno,
che mai nessuno te li pò levà,
perchè sò necessari pe campà,
sin dar momento che venimo ar monno.

Er primo vizzio provoca er seconno:
er sonno mette fame e fa magnà,
doppo magnato, t’aripija sonno,
poi t’arzi, magni e torni a riposà.

Insomma la magnata e la dormita,
massimamente in una certa età,
sò l’uniche du gioje de la vita.

La sola differenza è questa qui:
che pure si ciai sonno pòi magnà,
ma si ciai fame mica pòi dormì.

Aldo Fabrizi

19

Alla renella

Alla Renella…
più cresce er fiume e più legna vie’ a galla
io più ve guardo e più ve fate bella…

A ttocchi a ttocchi la campana sona,
li turchi so’ rivati alla marina.
Chi c’ha le scarpe rotte l’arisola,
io me l’ho risolate stammatina.

6

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera

Chi pe’ fa’ l’amore vo’ er salotto o er separè
Chi se sceje l’ombra profumata di un caffè.
Mentre c’ho da ditte? A me piace amoreggià
Pe’ le strade in libertà…
Poi quanno tramonta er sole
So’ più dorci le parole a tu per tu!

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

Quelle stelle che ce guardano lassù
Nun so’ belle come l’occhi che c’hai tu!
Luce bianca “dormi veja” d’un lampione!
Che t’insegna dove tu le poi bacià.
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!

Sperza nell’erbetta, fra le rose e le panzè
Io c’ho ‘na casetta che me fabbrico da me!
C’ha pe’ tetto er cielo, c’ha la luna p’abagiù;
Ner tramonto è tutta blu!
Nun ce pago mai pigione
E ce porto ‘gni maschietta che me va!

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

Quelle stelle che ce guardano lassù
Nun so’ belle come l’occhi che c’hai tu!
Luce bianca “dormi veja” d’un lampione!
Che t’insegna dove tu le poi bacià.
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!
Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

E se un vigile me dice: “lei che fa!…”
J’arisponno: “è casa mia, che nun lo sa!…”
L’ho innarzata co’ li sogni ‘sta casetta
E se qui la pupa mia me viè a trovà
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!

Canzone di Martelli-Neri-Simi
1936