Curiosità Archivio - Pagina 3 di 3 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Curiosità

22

Il Carnevale Romano

“Il Carnevale di Roma non è precisamente una festa che si offre al popolo, ma una festa che il popolo offre a se stesso” (Goethe)
Con queste parole Goethe definisce la particolarità dei festeggiamenti del carnevale romano, che colpiva sempre molto profondamente tutti gli stranieri che assistevano a questi giorni di follia, anche da semplici spettatori, cogliendo appieno il carattere più speciale di questa festa caratterizzata da una fortissima partecipazione popolare. (continua)

13

L’illuminazione di San Pietro

In occasione della festa di San Pietro e Paolo, il 29 giugno, la basilica di San Pietro diventava il teatro di uno spettacolo stupefacente: tutta la basilica si accendeva all’improvviso delle luci di migliaia di fiaccole e lanternoni, ad olio, sapientemente accesi da squadre di “sampietrini” che si calavano con un sistema di corde molto ingegnoso. L’ultima accensione manuale risale al 1937.

163

La magica notte di San Giovanni

La notte tra il 23 e il 24 giugno è la notte di San Giovanni, una notte magica, una notte in cui è possibile incontrare le streghe e in cui gli spiriti sono liberi nell’aria. Secondo una credenza popolare in questa notte i fantasmi di Erodiade e di Salomè, responsabili dell’uccisione di San Giovanni Battista e per questo condannate a vagare per il mondo su una scopa, chiamavano a raccolta tutte le streghe sui prati del Laterano.

111

Il lago di Piazza Navona

In una delle piazze più belle di Roma il 23 giugno del 1652 papa Innocenzo X inaugurò la consuetudine di far allagare la piazza per far divertire e rinfrescare i Romani durante la calura estiva. Tutti i sabati e le domeniche di agosto le fontane venivano chiuse e l’acqua poteva debordare allagando la piazza che si trasformava quindi in un “lago”.