Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 18 di 38 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

3

L’ingiustizzie der monno

Quanno che senti di’ “cleptomania”
è segno ch’è un signore ch’ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe’ lui nun c’è nessuna malatia
che j’impedisca d’esse condannato!

0

11 novembre

Li undici de novembre, guasi tutti li cornuti contenti
de Roma, se trovàveno le porte de la casa de loro
infiorate de mortella, de fiori, de nastri, de corna,
de sonetti, e dde ‘réna ggialla sparsa per tera.

‘Sto regalo je lo faceva in de la nottata quarche
amico aifìfezzionato, che si ppoi er cornuto lo vieniva
a scropi’, spesso spesso ce scappava l’ammazzato.

Come saperete tutti. San Martino è er protettore
de li sordati e dde li cornuti.

De li sordati, perchè ppuro quer santo è stato sor-
dato ; de li cornuti poi nun ve lo so a ddì’ : armeno
che anche lui nun ciavessi avuto moje !

Giggi Zanazzo

16

Storie di Roma

Si racconta che a Roma ci fosse una donna molto litigiosa e attaccabrighe. Quando le donne si ritrovavano a lavare i panni al fiume lei non perdeva occasione per litigare con le sue vicine, per qualsiasi motivo, ed era quindi diventata famosa per le sue invettive.
Ma era sicuramente anche molto famoso il suo modo di scaricare la rabbia: dopo aver tanto litigato era solita recarsi sotto un’immagine di una Madonnina, posta in un’edicola vicino casa sua. Fattosi il segno della croce con tutta la devozione possibile, cominciava ad intonare questa litania indirizzata alla persona con la quale aveva litigato:

Iustitia et Pax osculatae sunt 4

Chiaroscuro

Giustizzia, Fratellanza, Libbertà…
Quanta gente ridice ‘ste parole!
Ma chi le vede chiare? Iddio lo sa!
Er Gallo canta quanno spunta er sole,
er Gufo canta ne l’oscurità.

Trilussa, 1944

Allegoria dell'immortalità 3

La ricetta maggica

Rinchiuso in un castello medievale,
er vecchio frate co’ l’occhiali d’oro
spremeva da le glandole d’un toro
la forza de lo spirito vitale
per poi mischiallo, e qui stava er segreto,
in un decotto d’arnica e d’aceto.

0

Er teppista

Credi ch’io sia monarchico? Pe’ gnente:
che me ne frega? E manco socialista!
Repubbricano? Affatto! Io so’ teppista
e, pe’ de più, teppista intransiggente!

6

La settimana der lavoratore

Er lunedì piantassimo(1) er servizzio
perché ce venne l’ordine da fôri,
er martedì sospesi li lavori,
er mercordì fu chiuso l’esercizzio.

Giovedì scioperai co’ li sartori
perché mi’ moje sta ner sodalizzio,
e venerdì che fecero er comizzio
fui solidale co’ li scopatori.

Sabbato s’aspettò la decisione
con una bicchierata socialista
a li compagni de la Commissione;

e intanto fu firmata una protesta
contro la borghesia capitalista
che ce fa lavorà puro la festa!

Trilussa

0

Lo sciopero

Fu er presidente de la Lega mia,
ch’era avvocato de li scioperanti,
fu propio lui che disse: — Avanti! Avanti!
Scendemo in piazza! Evviva l’anarchia! —

A ‘ste parole qui, per quanto sia,
ce s’infocò la testa a tutti quanti:
ma sur più bello ce sbucò davanti
uno squadrone de cavalleria.

Se la sommossa rivoluzzionaria
quer giorno nun pijò ‘na brutta piega
fu per via che sparaveno per aria;

ma per un pelo un córpo de moschetto
ciammazza er presidente de la Lega
che s’era riparato in cima a un tetto!

Trilussa

17

All’anno novo

Anno che nasci: si voi avecce un vanto,
nun ce devi portà dolori e pene
devi portà soltanto
un’epoca de bene,
un’epoca de pace,
e soprattutto devi fa capace
‘sta pora umanità scema e traviata
d’apprezzà quanto ar monno c’è de bello
quanto ar monno ce stà p’esse felice.
Tant’omini de quelli cor cervello,
de quelli che se dice
che so geni, non hanno che inventato
cannoni, bombe atomiche, li gasse
e tant’altri ingredienti p’ammazzasse,
cosa che te dimostra, e fa vergogna,
che l’omo more si nun cerca rogna.
‘Sto poro mezzo secolo passato
è stato insanguinato!
Speramo armeno che da tante pene
ne scaturisca un bene!
Speramo che la gente
se scordi ogni rancore
e se possa convince finarmente
che la felicità sta nell’amore.
Volesse bene… E’ questa la ricetta
che nun se sbaia mai,
che fa trovà la via benedetta,
che sa fa superà tutti li guai.
Caro anno novo mio si ce sai fa
fallo entrà in testa tu all’umanità.
Se riuscirai a fa questo
diremo che sei stato un anno onesto,
un anno senza pene e senza guai…
e quanno moriarai
noi resteremo co’ la bocca amara
come chi perde ‘ma persona cara.

Checco Durante

2

Lo scolo der ’34

Oggi trentun discemmre, ch’è ffinita
st’annata magra de Ggiusepp’abbreo,
la siggnora fratesca ggesuita
pe rrenne grazzie a Ddio canta er Tedeo.

Dimani poi, si Ccristo je dà vvita,
ner medemo convento fariseo
s’intona un’antra antifona, aggradita
a lo Spiritossanto Paracreo.

E a cche sserveno poi tanti apparecchi?
er distino oramai pare disciso
c’oggn’anno novo è ppeggio de li vecchi.

Pòi defatti cantà cquanto tu vvòi,
ché ggià Ddio bbenedetto ha in paradiso
antri gatti a ppelà che ssentí nnoi.

31 dicembre 1834, “Lo scolo der ’34”, Sonetto di G.G.Belli