Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 20 di 44 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey) Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 20 di 44 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

7

Fiori d’acanto

Perdoneme, ciumaca de sto core,
si la sera, p’er gusto de vedette,
te faccio sta in finestra l’ore e l’ore,
sbattenno Dio sa quanto le brocchette.

Ma uno quanno è ceco da l’amore,
lo sai, Teresa mia, che nun connette;
e a costo de pijàccese un malore,
hai voja a dì! nun je n’mporta un ette.

Cusì so io, Terè. Si nun ce sei,
dico: “Madonna, fatela affaccià!”
E smagno, e me la pìo co te e co Lei.

Ma appena vedo su la finestrella
quel’occhiuccetti tui sbrilluccicà,
te chiamo santa, benedetta, bella.

Giggi Zanazzo

5

La previdenza

Un Gatto s’incontrò con un amico:
– Come va? – Se campicchia…. – E indove stai? –
Dice: – Lavoro in quer palazzo antico.
Uh! li sorci ch’acchiappo! Nun te dico!
Nun finischeno mai!
Che stragge! che macello!
Fa piacere a vedello!
Però, ne la soffitta der palazzo,
c’è la moje der sorcio co’ la fija
e quelle, poveracce, nu’ l’ammazzo:
prima per un riguardo a la famija
eppoi perchè me fanno
trecento sorci all’anno…
In certe circostanze è necessario
un po’ de sentimento umanitario…

30 ottobre 1916
Trilussa

1

Il cielo di Roma

[…] “un cielo azzurro, di quell’azzurro leggero, dolce, lattiginoso che la pittura a guazzo da a un cielo d’acquarello; un cielo infinitamente azzurro, senza una nube, senza una macchia, senza un’ombra; un cielo profondo, trasparente, etereo; un cielo che aveva la chiarezza cristallina dei cieli che si riflettono nell’acqua, la limpidezza dell’infinito fluttuante su un mare meridionale; quel cielo romano al quale il vicino Mediterraneo e tutte le altre cause ignote della beatitudine celeste fanno conservare per tutto il giorno la freschezza, la gaiezza dell’ora mattutina.”

Edmondo e Giulio De Goncourt

1

In omminibùsse

Le difficoltà di salire sull’omnibus secondo Zannazzo:

Pss, sor coso! fermatev’ un momento.
Sbrigamese, commare; fate lesta.
Già so’ tre curse che perdemo: e sento
che finimo cor perde’ puro questa.

Sete curiosa voi? Vedete er vento
si che robba me fa? m’arza la vesta.
Nun sia mai detto me la manna in testa,
me vienit’ a fà voi da paravento?

Ah, che cuscini morbidi che cià!
Co’ tre sordi ‘sta bella spassiggiata!
Davero bella! Insino indove va?

A li Monti?! – Com’è nun va a San Pietro?!!
Pss, fermo! – Avemo fatta la frittata.
Commà, scegnete; aritomam’indietro.

Giggi Zannazzo 1883

0

Sur portone der Paradiso

Un tale viè fermato da San Pietro.
“A giovenò, ando’ vai? Quanno se mòre
se riconsegna l’anima ar Signore,
sinnò me tocca romanatte indietro”

“Scusi San Piè, ma Lei è rimasto addietro:
laggiù nun c’è più anima nè core,
gireno gnudi e offenneno er pudore,
senza più mano avanti e l’antra dietro.”

“E allora dico, puro a te te manca”
“No io ce l’ho, perchè er mestiere mio
fu onorato da Cristo. E’ larte bianca! (l’arte di fare il pane)

Defatti ho sempre inteso dì che un giorno
mortipricò li pani….” “E allora fìo,
che aspetti? Passa! Vamm’ accenn’ er forno!”

Aldo Fabrizi
da Nonno Pane, ricette e considerazioni in versi, Mondadori editore

26

La ninna nanna de la guerra

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna:
dormi, dormi, cocco bello,
sennò chiamo Farfarello
Farfarello e Gujermone
che se mette a pecorone,
Gujermone e Ceccopeppe
che se regge co le zeppe,
co le zeppe d’un impero
mezzo giallo e mezzo nero.
Ninna nanna, pija sonno
ché se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno
fra le spade e li fucili
de li popoli civili
Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che commanna;
[…]

2

La strada mia

La strada è lunga, ma er deppiù l’ho fatto:
so dov’arrivo e nun me pijo pena.
Ciò er core in pace e l’anima serena
der savio che s’ammaschera da matto.

Se me frulla un pensiero che me scoccia
me fermo a beve e chiedo aiuto ar vino:
poi me la canto e seguito er cammino
cor destino in saccoccia.

Trilussa

Natività di Gesù 3

Er presepio

Er presepio

Ve ringrazio de core, brava gente,
pé ‘sti presepi che me preparate,
ma che li fate a fa? Si poi v’odiate,
si de st’amore non capite gnente…
Pé st’amore sò nato e ce sò morto,
da secoli lo spargo dalla croce,
ma la parola mia pare ‘na voce
sperduta ner deserto, senza ascolto.
[…]

9

L’Anfiteatro Corea e l’Auditorium Augusteo

L’Anfiteatro Corea e l’Auditorium Augusteo
Roma ha una continuità di vita incredibile e molti sono i luoghi che hanno cambiato la loro storia e la loro funzione nel corso dei secoli. Un esempio tra tanti è il Mausoleo di Augusto in quella che oggi è Piazza Augusto Imperatore.
Il Mausoleo fu fatto realizzare, come sepoltura dinastica, nel 29 a. C da Ottaviano, il futuro imperatore Augusto, sulla scia delle grandi tombe orientali. All’interno ha accolto le spoglie mortali di vari personaggi della gens Claudia e soprattutto i resti del primo grande imperatore di Roma, Augusto, che vi fu sepolto nel 14 d. C. Come la maggior parte dei monumenti di Roma ha subito nei secoli devastazioni e distruzioni. Dalle fonti si apprende che nel Medioevo tutta la zona intorno al monumento era semideserta e ricoperta di orti e vigne. Nel XII secolo, in virtù della sua struttura compatta, fu trasformato in fortezza dai Colonna, distrutta poi nel 1271. A partire dal XIII secolo fu oggetto di spoliazione sistematica con i marmi ridotti in calce o riutilizzati per nuove costruzioni.

22

Er Pancotto

ER PANCOTTO

Er pane tosto pure è providenza
e nun se butta mai come rifiuto;
e ner momento che te serve aiuto
t’aspetta ar varco, in fonno a la credenza
co la risoluzione pronta, appena
te viè un problema a pranzo oppure a cena.

Abbasta preparaje un connimento
d’ojo d’oliva, assieme a pepe e sale,
pe facce sguazzà l’ajo in modo tale
che balli er sartarello a foco lento.
E l’ajo frigge, schizza, se fa d’oro,
ma poi s’affoga a mollo ar pommidoro.

E ne lo strazzio d’un calore atroce
la pila bolle e nasce quer sughetto
che aspetta l’acqua per formà er brodetto
d’un rosso come er foco che lo coce.
E sopra l’ale der profumo vola
er desiderio de peccà de gola.

La lama der cortello giustizziere
intanto affonna, taja, s’affatica;
tanto de crosta e tanto de mollica:
er pane se sparpaja sur tajere.
Un tuffo dentro ar brodo: er pane jotto
se gonfia de sapore e fa er pancotto