Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 20 di 37 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

1

La donna gravida

Io nun zo ccosa v’annate scercanno
co l’arzà ttutt’er giorno tanti pesi.
Nun zapete che state in zette mesi?
Ve volete sconcià ccome l’antr’anno?

Ggià ssete avvezza in quell’antri paesi
dove se porta lo spadino e ’r panno;
ma cqui ccerte fatiche nun ze fanno:
cqua nnoi semo romani e nnò arbanesi.

Quest’aria nun è aria da villani.
Noi nun zemo facchini, io ve l’ho ddetto:
noi pe ggrazzia de ddio semo romani.

Er crima nostro è un crima bbenedetto
indove oggi te scarmi? ebbè ddomani
sta’ ppuro scerta che tte metti a lletto.

Giuseppe Gioacchino Belli, 19 ottobre 1835

3

Ripari

Un vecchio Merlo se vantava spesso
de dormì fra le zampe d’un Leone
senza di’ ch’er Leone era de gesso.

Quante persone, co’ lo stesso trucco,
hanno scroccato la reputazzione
riparate da un simbolo de’ stucco!

(Trilussa)

2

La verità

‘Na gavetta de granci giornalisti
che rajeno carote a chi li paga;
‘na voja da fregasse che s’allaga;
ingiustizie e spettacoli mai visti,

deputati magnoni e pagnottisti,
fregnacce d’agguantasse co’ la draga,
ministri framassoni e camorristi
che nun fann’antro ch’ingrossà la piaga.

Conocchie, preti, gente che s’addanna,
strozzini, tasse, giudici vennuti…
e in fonno er Vaticano che commanna.

Er merito che more su la paja
e la grolia che ghigna a li cornuti:
Ecco le condizioni de l’Itaja!…

(Giggi Zanazzo, 30 marzo 1893)

4

Troppi vizzi!

Al caro amico e maestro Giggi Zanazzo

Si, nun se po’ negà, qui anticamente
se campava un po’ troppo a la carlona,
ciavémio troppi vizzî, e tanta gente
cresceva in d’una pacchia buggiarona;
magnà, beve, vignate, carnevale…
Eh, s’erimo avvezzati troppo male!

Ma, fortunatamente ch’er progresso
è venuto a rimettece giudizzio,
perché già cià levato quarche vizzio
e penserà a levacceli in appresso,
e a forza de levalli a uno a uno
nun ciavremo vizzi più gnisuno.

Er governo e l’aggente de le tasse
ciànno levato er vizzio de magnà;
a beve c’è toccato a lassà annà
perché a le vorte c’è da avvelenasse;
e quanno uno nun beve e nun cucina
nun je serve nemmanco la latrina.

Apposta, a Campidojo, l’assessori
de l’edilizzia, da un pezzetto in quà
fanno levà tutti l’orinatori,
cusì chi cià’r vizziaccio d’orinà
cerca de prescia in tutti li cantoni
‘nsino che se la fa ‘nde li carzoni.

Poi, a forza d’aricresce le piggione
se leveremo er vizzio d’abbità,
accusì s’anneremo a rintanà
o in quarche macchia come Gasperone,
o come Adamo e’ Eva in d’un giardino
co’ ‘na fronna de fico sur pipino!

(Adolfo Giaquinto, Settembre 1908)

2

Er Culiseo

Tutte quele bbuche che sse védeno su li muri e ll’archi der Culiseo ce furno fatte da li bbarberi quanno preseno Roma.
Ce féceno tutte quele bbuche e ddice che ddrento a ognuna ce messeno la porvere co’ l’idea de fallo zompà’ per aria. Ma quanno je diedeno fôco, feceno fiasco perchè er Culiseo manco se mosse d’un capéllo.
A ppreposito der Culiseo ve vojo dí’ quello che mme diceva sempre er mi’ bbisnonno bbon’anima : «Fino ch’er Culiseo durerà
Puro Roma su starà ; Quanno er Culiseo cascherà
Puro Roma ha da cascà, Quanno Roma finirà
Tutt’er monno s’ha dda scapicollà’».

(Giggi Zanazzo)

0

Tresteverine

Poesia dedicata alle donne di Trastevere di Terenzi Augusto
Occhioni innamorati, trecce belle,
visetti ch’affattureno a vedelli,
tresteverine scicche, palommelle,
pe’ voi vojo cantà du’ stornelli:

Chi aspetta maggio pe coje le rose?
‘N Trestevere ce sbocceno ‘gni mese
più belle, delicate e più odorose.

2

LI PENZIERI DELL’OMO

Sonetto di Giuseppe Gioachino Belli:
LI PENZIERI DELL’OMO
(G.G.Belli)

Er chirichetto, apena attunzurato
Penza a ordinasse prete, si ha cervello:
Er prete penza a diventà pprelato;
E ‘r prelato, se sa, penza ar cappello.

Er cardinale, si ttu voi sapello,
Penza ‘gnisempre d’arrivà ar papato;
E dar zu’ canto er Papa, poverello!,
Penza a gòde la pacchia c’ha ttrovato.

3

Roma de notte…

Roma dorme sognanno, su Castello,
l’Angelo veja pieno de fierezza.
Guarda sto sito indove la bellezza,
pare che sia dipinta cor pennello.

Ruzzica l’acqua ar fiume, e come canto,
che te manna la maggica corrente.
Porta all’orecchio delizziosamente,
note d’amore e parpiti d’incanto.

Un venticello assai assai leggero,
te fa’ casca dall’arbero le foje,
e drento ar core allora me se scioje,
un senso tutto pieno de’ mistero.

Na dama, un vero quadro de’ dolore,
cammina in sù e giù cor viso bianco,
cammina con un passo incerto e stanco,
cercanno chi je compra un pò d’amore.

E Roma dorme, infonno a un vicoletto,
‘na bisca lì a lo scuro se prepara,
a faà ‘na serenata, e pe’ la chitara..
ognuno tiè anniscosto un ber paletto !

Rolando Sciampi

13

Il testamento di un albero

Un albero di un bosco
chiamò gli uccelli e fece testamento:
Lascio i fiori al mare,
lascio le foglie al vento,
i frutti al sole e poi
tutti i semetti a voi.
A voi, poveri uccelli,
perchè mi cantavate la canzone
nella bella stagione.
E voglio che gli stecchi,
quando saranno secchi,
facciano il fuoco per i poverelli.
Però vi avviso che sul mio tronco
c’è un ramo che dev’essere ricordato
alla bontà degli uomini e di Dio.
Perché quel ramo, semplice e modesto,
fu forte e generoso: e lo provò
il giorno che sostenne un uomo onesto
quando ci si impiccò.

Trilussa

12

La Chiesetta del Domine Quo Vadis? (S. Maria in Palmis)

Chiesa del Domine Quo Vadis?

All’incrocio tra la Via Appia Antica e la Via Ardeatina c’è una piccola chiesetta con una grande storia. Secondo la tradizione proprio in questo punto Pietro, in fuga da Roma per sfuggire alle persecuzioni, avrebbe incontrato Gesù e alla seguente domanda: “Domine, quo vadis?” (Signore, dove vai?) avrebbe ricevuto questa risposta: “Venio Romam iterum crucifigi (Vado a Roma per essere nuovamente crocifisso).