Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 22 di 38 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

12

La Chiesetta del Domine Quo Vadis? (S. Maria in Palmis)

Chiesa del Domine Quo Vadis?

All’incrocio tra la Via Appia Antica e la Via Ardeatina c’è una piccola chiesetta con una grande storia. Secondo la tradizione proprio in questo punto Pietro, in fuga da Roma per sfuggire alle persecuzioni, avrebbe incontrato Gesù e alla seguente domanda: “Domine, quo vadis?” (Signore, dove vai?) avrebbe ricevuto questa risposta: “Venio Romam iterum crucifigi (Vado a Roma per essere nuovamente crocifisso).

7

La sincerità

Poesia di Trilussa
LA SINCERITA’

M’aricorderò sempre che mi’ nonno
pe’ famme pija sonno,
me diceva la favola de quello
ch’annava in cerca de sincerità.
Io, però, m’addormentavo sur più bello
che nemmeno arivavo a la metà.

1

Li giornalisti

Ma l’arte, amore mio, so’ tutte eguale
E quanno le vòi fa’ senza talento,
Tu hai voja a faticà’, ne pòi fa’ cento,
Che all’urtimo so’ tutte tale e quale.

Io che fo? Venno er fojo der giornale:
Me capo er più ber fatto che c’è drento,
Je do fiato a la voce, sentimento,
E ce ricavo sempre la morale.

Guarda jeri: che c’era? Roba andante!
Er solo morto de quer fruttarolo
Che scoperse la moje co’ l’amante.

E che antro? Gnent’antro, t’aricordi?
Eppure, vedi, co’ quer morto solo
Ci ho guadambiato venticinque sòrdi.

Cesare Pascarella

5

[ ]

Pe’ conto mio la favola più corta
è quella che se chiama Gioventù:
perché… c’era una vorta…
e adesso nun c’è più

E la più lunga? E’ quella della Vita:
la sento raccontà da che sto ar monno
e un giorno, forse, cascherò dar sonno
prima che sia finita…

12

E’ Romano de Roma

Er vero romano de Roma, è strafottentissimo e sse ne… sgrulla artissimamente fino (e ppuro un
po’ ppiù ssu), de li sette cèli!
Nun pô ssofrì’ la lègge: tutto quello che je sa d’ubbidienza, nu’ lo pò ignòtte.
Chi jé la fa jé la scónta: quanno ariceve quarch’affronto, sé vô aripagà’ dda sé: nun vô
impiccioni dé mezzo: ni cherubbigneri, ni tribbunali: a la ggiustizia (e ha millanta raggione!) nun
ce crede.
Er vero romano de Roma, nun sa ffa’ er ciarlatano. Si è ômo de talento, nun se sa apprezzà’; sse ne
stà aritirato come una lumaca in de la su’ côccia.
Vorebbe avécceli io tanti scudi pe’ quanti artistoni èstri e nnostrali, passeno pe’ gran talentoni, e
nun valerebbeno una cica, si in de li loro studi nun ciavéssino tamanti de veri artisti romaneschi
che a vvedélli nu’ li pagheréssivo un sôrdo, e cche ffanno statuve, quadri e ccose prezziose da
strasecolà’, llavoranno a ggiornata a sei o a ssette scudi ar giorno.
Finita ch’hanno la statuva o er quadro, ariva l’artistone magno, conosciuto in culibusmunni, ce
mette la su’ firma e ttócca la viòla!
E quello che ha ffatto la statuva, er vero ’utore, la sera, lo troverete in d’un osteria a ggiócà’ a
ccarte e a imbriacasse, sgrullànnosene artissimanlente de la grolia e dde’ tutti: è vvero però che
mmôre ne la miseria.

3

Li princìpi

Diceva bene Checco a l’osteria:
«Ogni omo deve avécce er suo pensiero».
Pensi bianco? Si un antro pensa nero
Rispetteje er pensiero e cusì sia.

Vor di’, si te ce trovi in compagnia,
Je pôi di’: — Tu te sbaji… Nun è vero… —
Ma, sempre semo lì, vacce leggero,
Perché ar monno ce vo’ filosofia.

E scrìvetelo drento a la ragione,
Che fra l’omo e er principio cambia aspetto.
Io defatti, si in quarche discussione

Trovo che dì’ co’ quarche giovenotto,
Quello che sia principio lo rispetto,
Ma quello che sia omo lo scazzotto.

1

Sogni

Sogni
di Mario dell’Arco

Er salice piangente
sogna la permanente. Er girasole
sogna de fa er paino
co l’occhiai da sole.
Er merlo sogna che se trova addosso
la spilla cor rubbino
che ha visto da lontano ar pettirosso.
E le ranocchie a mollo ner pantano
sogneno mosce mosce
un paro de calosce

13

La felicità

La Felicità
Trilussa

C’è un’ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

1

Quanno s’incoronava un Papa

Er giorno e ttutti l’inniversari de l’incoronazione der papa, er guverno passava un grosso de limòsina a quarsesia poverello sii omo o sii donna, che sse fussi presentata in der cortilone der Bervedé ar palazzo der papa a Ssan Pietro.

Le donne gravide o cco’ li fiji, invece d’un grosso, pijaveno un pavolo