Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 32 di 32 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

15

Er sorcio de città e er sorcio de campagna

Un Sorcio ricco de la capitale
invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
– Vedrai che bel locale,
vedrai come se magna…
– je disse er Sorcio ricco – Sentirai!
Antro che le caciotte de montagna!
Pasticci dorci, gnocchi,
timballi fatti apposta,
un pranzo co’ li fiocchi! una cuccagna! –
L’istessa sera, er Sorcio de campagna,
ner traversà le sale
intravidde ‘na trappola anniscosta;
– Collega, – disse – cominciamo male:
nun ce sarà pericolo che poi…?
– Macché, nun c’è paura:
– j’arispose l’amico – qui da noi
ce l’hanno messe pe’ cojonatura.
In campagna, capisco, nun se scappa,
ché se piji un pochetto de farina
ciai la tajola pronta che t’acchiappa;
ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
Le trappole so’ fatte pe’ li micchi:
ce vanno drento li sorcetti poveri,
mica ce vanno li sorcetti ricchi!

Trilussa

10

Sora Menica

A Roma a Roma belle le romane
ma so’ più belle le trasteverine
l’arubbacori so’ le monticiane
l’arubbacori so’ le monticiane

Sora Menica Sora Menica
oggi è domenica. Lassece stà.

Semo trasteverine e nun tremamo
Paura nun avemo de nisuno
c’avemo bona lingua e mejo mano
c’avemo bona lingua e mejo mano.

Sora Menica Sora Menica
oggi è domenica. Lassece stà.

Sete la banderola de Castello
avete dato er core a questo e quello
‘na botta ve cercate de cortello
‘na botta ve cercate de cortello

Sora Menica Sora Menica
oggi è domenica. Lassece stà.

Er core mio l’ho dato a chi me pare
l’anno tenuto tutti come ‘n fiore
er vostro s’è appassito ner cantone
er vostro s’è appassito ner cantone

Sora Menica Sora Menica
oggi è domenica. Lassece stà.

Canzone popolare di un autore anonimo che racconta della contrapposizione tra rioni di Roma attraverso il “botta e risposta” tra le ragazze di Monti e quelle di Trastevere.

0

Er primo amore

Fu un venerdì , pe’ Pasqua Befania,
er sei gennaio der novantasei.
“No Checchino, è impossibbile! Tu sei
troppo scocciante co’ ‘sta gelosia!

26

La fontana della Terrina

In Piazza della Chiesa Nuova si trova una fontana dall’aspetto bizzarro: sembra una zuppiera con tanto di coperchio e questa forma le ha fatto attribuire il nome di “terrina”.

0

Bolla de Sapone

Lo sai ched’è la Bolla de Sapone?
L’astuccio trasparente d’un sospiro.
Uscita da la canna vola in giro,
sballottolata senza direzzione,
pe’ fasse cunnolà, come se sia
dall’aria stessa che la porta via.

163

La magica notte di San Giovanni

La notte tra il 23 e il 24 giugno è la notte di San Giovanni, una notte magica, una notte in cui è possibile incontrare le streghe e in cui gli spiriti sono liberi nell’aria. Secondo una credenza popolare in questa notte i fantasmi di Erodiade e di Salomè, responsabili dell’uccisione di San Giovanni Battista e per questo condannate a vagare per il mondo su una scopa, chiamavano a raccolta tutte le streghe sui prati del Laterano.

4

La fontana del Babuino

La sua storia risale al 1571 quando il commerciante ferrarere Alessandro Grandi realizzò, a sue spese, una fontana ad uso pubblico. Secondo una prassi consueta a quei tempi, in cambio della concessione, da parte di Papa Pio IV, dell’erogazione dell’acqua direttamente nel suo palazzo il Grandi

110

Il lago di Piazza Navona

In una delle piazze più belle di Roma il 23 giugno del 1652 papa Innocenzo X inaugurò la consuetudine di far allagare la piazza per far divertire e rinfrescare i Romani durante la calura estiva. Tutti i sabati e le domeniche di agosto le fontane venivano chiuse e l’acqua poteva debordare allagando la piazza che si trasformava quindi in un “lago”.