Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 34 di 37 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

0

‘Na vorta

‘Na vorta a Roma mia
Se campava co’ du’ spicci
Se cantava in ogni via
Pe’ da’ sfogo a li capricci

‘Na vorta a ‘sta città
Nun mancava mai er fiato
Je serviva pe’ canta’
Storie e amori der passato

0

Er Tevere

Mi nonno racconta che da ragazzino
Ner fiume più antico der monno latino
Quanno coceva l’afa ar mattino
Er ponte de Sisto era ‘n trampolino.

Piccoli e grossi, donne e vecchietti
Tutti giù ar fiume dar cielo protetti
Dalle borgate venivan gruppetti
Felici i più piccoli come uccelletti.

0

Er zegretario de Piazza Montanara

Siggnori, chi vvò scrive a la regazza
venghino ch’io ciò cqua llettre stupenne.
Cqua ssi tiè ccarta bbona e bbone penne,
e l’inchiostro il piú mmejjo de la piazza.

Cqua ggnisuno, siggnori, si strapazza.
Le lettre ggià ssò ffatte coll’N.N.
Basta mettérci il nome, e in un ammenne
chi ha ppresscia d’aspettà cqua ssi sbarazza.

1

Affaccete Nunziata

Affaccete Nunzià, core adorato
che ‘sta nottata invita a fa l’amore
er celo è tutto quanto imbrillantato
la luna manna a sfascio lo sprennore.

E tira un venticello dorce dorce
che fa tremà le foje adacio, adacio
a quando ammalappena che le storce
pe’ faje appiccicà tra loro un bacio

0

L’allustrascarpe filosofo

So’ trentanni che fo sta professione,
E ancora, graziaddio! nun so’ mai morto;
So’ vecchio, ar camminà’ cammino storto,
Eppure, sarv’ognuno, sto benone.

La notte me rintano in d’un portone;
E la matina appresso, quanno sòrto,
Omina bona mea mècume porto
E me rimetto qui su sto cantone.

0

Io… e l’asino mio

‘Na vorta ‘no scurtore de cartello,
Dopo fatto un Mosè ch’era un portento,
Je disse: «Parla!» e lì co’ lo scarpello
Scorticò sur ginocchio er monumento.

Io pure mo ch’ho fatto st’asinello
Provo quasi l’istesso sentimento;
Ma invece d’acciaccallo cór martello
Lo licenzio co’ sto ragionamento:

2

‘Na predica de mamma

L’amichi? Te spalancheno le braccia
fin che nun hai bisogno e fin che ci hai;
ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai,
te sbatteno, fio mio, la porta in faccia.

Tu sei giovene ancora, e ‘sta vitaccia
nu’ la conoschi; ma quanno sarai
più granne, allora te n’accorgerai
si a ‘sto monno c’è fonno o c’è mollaccia.

5

J.W. Goethe – Viaggio in Italia: Appia Antica

“Oggi sono stato alla Ninfa Egeria, poi alle Terme di Caracalla e nella Via Appia a vedere le tombe ruinate e quella meglio conservata di Cecilia Metella, che dà il giusto concetto della solidità dell’arte muraria.
Questi uomini lavoravano per l’eternità ed avevano calcolato tutto, meno la ferocia devastante di coloro che sono venuti dopo ed innanzi ai quali tutto doveva cadere”

Goethe, Viaggio in Italia, 1786

17

La fontana delle Tartarughe

Al Centro di Piazza Mattei si trova un vero e proprio gioiello: la fontana delle tartarughe.
Fu realizzata, tra il 1581 e il 1584, dallo scultore Taddeo Landini su progetto di Giacomo della Porta. Originariamente i quattro efebi avrebbero dovuto sorreggere dei delfini ma la soluzione non soddisfece la committenza (Gregorio XIII Boncompagni), probabilmente anche a causa della poca pressione dell’acqua in questo punto, e i delfini furono destinati alla prima versione della fontana della terrina (in Campo de’ Fiori, ora in piazza della Chiesa Nuova).

2

Avviso

Er sinnico de Roma visto e visto …
che nun se pò annà avanti de ‘sto passo,
siccome nun fa sangue gnisun sasso,
j’ è necessario dà ‘st’annunzio tristo:

ch’er popolo de Roma tutto misto,
ricchi e pezzenti, quanno vanno a spasso
avranno da svenasse un tanto a passo
per ogni sercio ch’ averanno pisto .

La tassa è questa: un sòrdo ‘gni cratura,
un grosso l’artri. Insino a novo editto
resta aggratise er giro de le mura.

Er nerbo snerberà chi lo contraria
e aringraziate Iddio ch’ er sottoscritto
nun ve metti la tassa puro a l’aria.