Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 34 di 40 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey) Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 34 di 40 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

7

La Torre della Scimmia

In Via dei Portoghesi 18, tra via dei Pianellari e Via dell’Orso, si trova Palazzo Scapucci, anche se è più noto, forse, come il Palazzo della Scimmia, o Torre della Scimmia.
Come lo vediamo ora il palazzo è il risultato dei lavori di sistemazione della famiglia che ne ebbe la proprietà tra il 1500 e il 1600, la Famiglia Scapucci appunto. Caratteristica di questo palazzo è la torre medievale (anche se la forma attuale si deve a lavori quattrocenteschi) che è forse stata eretta originariamente dai Frangipane.

0

Come vié più bona?

E’ sempre bona, come sia, stufata,
a scappa e fugge, ar salto, abbrustolita,
ar naturale, semprice, farcita,
bollente, fredda, tiepida, gelata.

Ar dente, scotta, insipida, salata,
bastarda, inciafrujata, rotta, trita,
a la Francese, “molla e ribollita”
a la Svizzera, “languida e incollata”.

Abbasta solo a scoperchia un tigame,
la panza attacca quer gorgheggiamento,
che pare come er coro de la fame.

E fate caso; quanno se scodella,
chi cia’ l’inclinazione ar sentimento,
se sente ride tutte le budella.

15

Borghetto Latino

IO RICORDO…

I miei nonni paterni abitavano in un casaletto a via della Caffarelletta, mio nonno era fattore del conte vaselli, e faceva coltivare tutte le terre a ridosso di via Latina fino a chissà dove verso la via appia antica e via della Caffarella.
Mia nonna, mi raccontava, era nata al Palatino, in una casa adesso museo, aveva un banco al mercato dell’alberone, proprio sotto il famoso albero, dove vendeva i prodotti dell’orto. (Un bellissimo ricordo condiviso. Grazie a Remia Marcello)

1

Nina si voi dormite

‘Nde ‘sta nottata piena de dorcezza
pare che nun esisteno dolori.
tira ‘n ber venticello ch’è ‘na carezza
smove le fronne e fa’ sboccià li fiori

Nina, si voi dormite,
sognate che io ve bacio,
ch’io v’addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
profumo de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde tra le fronne

Però, si co’ ‘sto canto, io v’ho svejato,
m’aricommanno che me perdonate.
L’amore nun se frena, o Nina, amate,
che a vole’ bene, no, nun è peccato

Nina, si voi dormite,
sognate che ve bacio,
ch’io v’addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
profumo de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde tra le fronne

0

Er Caffettiere Filosofo

L’ommini de sto monno sò ll’istesso
Che vvaghi de caffè nner mascinino:
C’uno prima, uno doppo, e un antro appresso,
Tutti cuanti però vvanno a un distino.

Spesso muteno sito, e ccaccia spesso
Er vago grosso er vago piccinino,
E ss’incarzeno, tutti in zu l’ingresso
Der ferro che li sfraggne in porverino.

0

A Villa Medici

Te l’aricordi più le passeggiate
in queli vicoletti de verdura,
in quele grotticelle sprofumate
che parevano fatte su misura
pe’ fa’ passà le coppie innamorate?

Te l’aricordi più, ciumaca bella,
la testa de quer satiro che stava
anniscosta framezzo alla mortella,
che rideva e faceva capoccella
pe’ minchionà la gente che passava?

0

Amore per Roma…

Egli, guardando, non aveva un pensiero determinato ma un confuso viluppo di pensieri; e gli occupava l’anima un sentimento soverchiante ogni altro: il pieno e vivace risveglio del suo vecchio amore per Roma, per la dolcissima Roma, per l’immensa augusta unica Roma, per la città delle città, per quella ch’è sempre giovine e sempre novella e sempre misteriosa, come il mare

49

Nascere romano

Non sapevo fare nulla: facevo il romano, e fare il romano era la mia passione.
A Nizza, Parigi, all’Avana, al Messico, a New York, Buenos Aires, a Rio de Janeiro e nell’interno del Brasile, parlavo romano; cantavo li stornelli che nissuno, magari, li capiva, ma tutti li applaudivano.
Un bel fenomeno.
Allora mi convinsi che nascere romano era una concessione speciale di Nostro Signore Gesù Cristo.

Ettore Petrolini

0

Er Salice Piangente

– Che fatica sprecata ch’è la tua!
– diceva er Fiume a un Salice Piangente
che se piagneva l’animaccia sua –
Perchè te struggi a ricordà un passato
se tutto quer che fu nun è più gnente?
Perfino li rimpianti più sinceri
finisce che te sciupeno er cervello
per quello che desideri e che speri.
Più ch’a le cose che so’ state ieri
pensa a domani e cerca che sia bello!

0

Ponte dell’Angioli

È cascato pe’ sbajo sopra ar Tevere.
L’angioli, boni boni,
se so’ appollati su li murajoni;
e de guardia a l’imbocco
ce stanno li capoccia de la nave:
san Pietro co’ la chiave,
san Paolo co’ lo stocco.